Regione, sociale approvata nuova programmazione servizi, 162 mln ai distretti

La Giunta Zingaretti ha approvato la delibera annuale di programmazione degli stanziamenti per il sistema regionale dei servizi sociali. Ammontano a 162,3 milioni le risorse complessivamente assegnate ai distretti socio-sanitari del Lazio per...

zingaretti 1

La Giunta Zingaretti ha approvato la delibera annuale di programmazione degli stanziamenti per il sistema regionale dei servizi sociali. Ammontano a 162,3 milioni le risorse complessivamente assegnate ai distretti socio-sanitari del Lazio per l'attuazione degli interventi sociali. Un terzo dello stanziamento andrà a garantire i servizi essenziali: 55 milioni, di cui 3,5 espressamente vincolati ai servizi per i piccoli Comuni. A queste risorse si aggiungono quelle ancora disponibili nelle casse dei distretti: in totale il massimale di spesa per i servizi essenziali ammonterà a 64,5 milioni, di cui 4 per i piccoli Comuni.

Tra le altre misure, gli interventi per la disabilità avranno a disposizione 34,6 milioni, di cui 14,1 vincolati per le disabilità gravissime. A queste risorse si aggiungeranno i 9,1 milioni del fondo nazionale per l'assistenza ai disabili privi di sostegno familiare (il cosiddetto "Dopo di noi") per i quali la Giunta ha da poco approvato il piano di utilizzo. In totale, quindi, la spesa per l'assistenza alle persone disabili ammonterà a 43,7 milioni.

Saranno invece 37,5 i milioni impiegati per la compartecipazione della Regione al pagamento delle rette per le Rsa. Gli interventi per famiglia e minori (inclusa la rete dell'affido e dell'adozione) potranno contare su 18,5 milioni, mentre 10,8 milioni verranno messi a disposizione per gli asili nido. Infine, la Giunta ha stanziato altri 2,5 milioni per i progetti del bando Povertà 2017 (la cui dotazione sale a 5,5 milioni) e 800mila euro per sostenere i Comuni impegnati nella rete Sprar dell'accoglienza ai migranti.

"Continua il lavoro di rafforzamento della rete regionale dei servizi sociali", commenta l'assessore alle Politiche sociali Rita Visini. "Con la nuova programmazione - continua Visini - puntiamo ancora una volta da un lato al consolidamento dei servizi essenziali e dall'altro all'investimento sull'integrazione sociosanitaria e sull'innovazione sociale, come per esempio i progetti di deistituzionalizzazione e vita indipendente per le persone con disabilità o i centri famiglia. E dal prossimo anno, dopo che il Consiglio regionale avrà definitivamente approvato il nuovo Piano sociale regionale triennale, la programmazione dei servizi potrà avere un respiro ancora più ampio".

INCENDI; ABBRUZZESE (FI): IL LAZIO CONTINUA A BRUCIARE. COSA ASPETTA LA REGIONE A CREARE UNA VERA TASK FORCE PER FRONTEGGIARE EMERGENZA?

"Il Lazio continua a bruciare, la ciociaria continua a bruciare. Rinnovo il mio invito al governo regionale, prima che sia troppo tardi, di creare una vera e propria task force dove coinvolgere tutti gli attori principali per la prevenzione e lo spegnimento dei roghi e pianificare i realtivi interventi per evitare che brucino altri ettari di vegetazione. Non capisco il presidente Zingaretti cosa stia aspettando per mettere in campo le azioni necessare per iniziare questo processo operativo interistituzionale". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consgiliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione speciale Riforme Istituzionali.

"Ill Lazio è al 4° posto tra le regioni italiane per superficie andata in fumo da inizio anno, con bel 1.635 ettari, l’equivalente di 2500 campi da calcio, secondo dati aggiornati al 12 luglio scorso. Già lo scorso anno peraltroil Lazio era al 5° posto della classifica tra le Regioni, per numero di roghi dolosi o colposi, con 436 incendi, i numeri della prima parte del 2017 raccontano di un peggioramento enorme. Secondo alcune stime in Italia, solo nell’ultimo mese, sono andati a fuoco più di 26.000 ettari di superfici boschive, quasi quanto quelle incendiate in tutto il 2017, e anche gli incendi nel Lazio sono aumentati a dismisura.

come ho già avuto modo di esprimere nei giorni scorsi è giunto ill momento di fare sul serio, prima che la situazione sfugga di mano. Attraverso un confronto ufficiale tra Regione Lazio, VVF, Protezione civile e associazioni di volontariato che ogni giorno lavorano per proteggere l'incolumità dei cittadini contro gli incendi ed a cui dobbiamo esprimere immensa gratitudine, si potrebbero trovare delle soluzioni per sopperire a tutte le criticità di organico che ormai sono manifeste e pianificare azioni volte a migliorare la situazione esistente, ma anche a mettere a conoscenza il governo centrale delle problematiche riscontrate e richiedere un intervento immediato per la risoluzione. Ricordo, infatti, che tra le principali cause dei rallentamenti della macchina dei soccorsi c'è la soppressione del Corpo Forestale che ha compromesso seriamente il lavoro di prevenzione ed intervento per quanto concerne gli incendi". Ha concluso Abbruzzese.

BILANCIO, SIMEONE (FI): “DA OGGI PER I COMUNI PROGETTAZIONI PIU’ SEMPLICI”

“Nel corso dell’analisi del cosiddetto mini collegato al bilancio 2017 è stato approvato l’emendamento che abbiamo presentato come Forza Italia con cui si istituisce il “Fondo rotativo regionale per la progettualità”. Si tratta di uno strumento che renderà più agevole per i Comuni effettuare progettazioni fino ad un milione di euro. Il fondo ha natura rotativa. Le sue disponibilità vengono ricostituite attraverso i rimborsi da parte degli utilizzatori. La Regione Lazio ora adotterà il regolamento stabilendo i criteri di accesso al fondo, le spese finanziabili, le procedure e le modalità di erogazione e restituzione delle anticipazioni. Si tratta di uno strumento importantissimo perché ha colmato lo spazio vuoto lasciato dal Fondo rotativo istituito dalla Cassa Depositi e prestiti che non consentiva l’accesso ai Comuni per progettazioni di importo inferiore al milione di euro costringendoli per far fronte a tali costi a far leva su risorse proprie. Con questo strumento, quindi, siamo andati incontro alle esigenze di tutti quei Comuni che, a causa delle esiguità di risorse proprie, riscontrano costanti e spesso insuperabili difficoltà nel sostenere le spese per la progettazione e la realizzazione delle infrastrutture sul proprio territorio. Con l’istituzione del Fondo rotativo regionale per la progettualità abbiamo reso accessibile a tutti gli Enti il fondo rotativo, creando, inoltre, un circolo virtuoso che consentirà di restituire le somme prese ad esempio da un Comune affinché un altro possa usufruirne. Si tratta di un provvedimento che fa leva sull’equità nell’ottica di aumentare sempre di più i servizi per le comunità che rappresentiamo”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Incidente sul lavoro, falegname si amputa tre dita di una mano, è grave

  • Anagni, prima la pedina e poi la costringe a manovre pericolose con la sua auto. Arrestato stalker

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento