Compra un'auto online con un acconto di 700 ma viene truffata

La disavventura è capitata ad una giovane di Ripi che aveva trovato un'offerta molto conveniente. Ora una coppia della capitale dovrà rispondere di quanto fatto davanti al giudice

Mettono un annuncio di vendita di una macchina, incassano l'anticipo e spariscono nel nulla.. K.D. G. un uomo di 55 anni residente nella capitale e G.C una donna marocchina di 31 anni anche lei residente nella capitale adesso debbono rispondere di truffa e falso.

La truffa ad una ragazza di Ripi

I fatti risalgono al 2014  quando una ragazza di Ripi di 30 anni, aveva letto su un famoso portale web di acquisti on-line che la coppia aveva messo in vendita una Citroen C3. Siccome il prezzo le sembrava molto vantaggioso aveva cercato di mettersi in contatto con i venditori. Una volta contattati, aveva inviato loro un acconto di 700 euro.  

Il passaggio di proprietà falso

Successivamente all'acquirente era stato recapitato il passaggio di proprietà. A quel punto la giovane avrebbe dovuto soltanto attendere l'arrivo della vettura. Ma l'auto a casa del compratore non sarebbe mai arrivata.  A quel punto la trentenne, sospettando di essere stata truffata aveva presentato una denuncia in procura.

La denuncia

Le indagini avviate dagli investigatori avevano dato la certezza a quelli che inizialmente erano stati soltanto dei sospetti. I venditori dell'auto, infatti, per poter mettere a segno l'imbroglio  le avevano inviato  un falso certificato di proprietà. Dagli accertamenti infatti era risultato che l’originale di quel documento era intestato a C.G. compagna del 55enne. Secondo gli elementi portati avanti dalla procura la coppia avrebbe organizzato tutto nei minimi particolari per poter mettere a segno la truffa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rinvio a giudizio

La coppia adesso è stata rinviata a giudizio con l'accusa di truffa e falso. La prima udienza per la coppia di conviventi è stata fissata per il 18 gennaio prossimo. La trentenne si è costituita parte civile tramite l’avvocato Luca Solli del foro di Frosinone
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Cassinate, esplode una bomba da guerra in un campo dove bruciavano sterpaglie

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

  • Coronavirus, la storia di Pina, Vigile del Fuoco discontinuo che sta combattendo per la vita

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento