Roma, aflatossina positivo primo test eseguito a Bari su grano importato. Coldiretti Lazio Granieri: “attendiamo altre analisi no allarmismi ma siamo preoccupati”

Il campione di grano duro scaricato al porto di Bari da una nave proveniente dal Messico è risultato positivo al test eseguito con il kit “agrastrip”.

controllo porto bari

Il campione di grano duro scaricato al porto di Bari da una nave proveniente dal Messico è risultato positivo al test eseguito con il kit “agrastrip”.

granieri

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una prima analisi col “lateral flow test” ha dato indicazioni di presenza di micotossina, un’aflatossina. Il campione è stato consegnato alla Asl per le analisi di conferma e per verificare la eventuale presenza nel grano importato anche di metalli pesanti. “Se il grano è contaminato da aflatossine, che sono tossiche e sono ritenute essere sostanze dannose per la salute – sostiene Coldiretti – esiste il rischio di contaminazione anche per i prodotti che ne potrebbero derivare, perché tali sostanze sono resistenti alle alte temperature”. La scoperta è maturata durante il blitz organizzato dalla Coldiretti al porto di Bari, dove sbarca il grano straniero utilizzato per produrre pasta senza alcuna indicazione in etichetta circa la provenienza della materia prima. Un blitz promosso dalla Coldiretti con la collaborazione del Corpo Forestale per chiedere alle istituzioni controlli più penetranti sui prodotti importati, ma anche la introduzione dell’obbligo di indicare in etichetta la provenienza delle materie prime impiegate per produrre alimenti venduti sul territorio nazionale. “È doveroso procedere con cautela, senza anticipare sentenze e senza generare allarmismi. Restiamo in attesa – commenta David Granieri presidente della Coldiretti del Lazio – degli esiti delle analisi che saranno ripetute nei laboratori della Asl. Ma è chiaro che il risultato della prima verifica scientifica eseguita al porto desta preoccupazione”. È fatto con grano straniero – ricorda la Coldiretti – un pacco di pasta su tre e quasi la metà del pane in vendita nel nostro paese, ma i consumatori non possono saperlo, mancando la obbligatorietà di indicare in etichetta l’origine delle materie prime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Maxi blitz all’alba, trovati chili di droga. Nei guai una decina di spacciatori

  • Il 2 giugno i funerali di Guglielmo Mollicone. Oggi l'anniversario della morte di Serena

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento