Roma,  esce dal tribunale dove era stato processato per un furto di biciclette e ne ruba un’altra

Era stato appena giudicato colpevole del reato di furto di una bicicletta, che uscito dal Tribunale, ne ha subito rubata un’altra. L’uomo un italiano di 37 anni, già noto alle forze dell’ordine, era stato arrestato l’altro giorno dai Carabinieri...

Era stato appena giudicato colpevole del reato di furto di una bicicletta, che uscito dal Tribunale, ne ha subito rubata un’altra. L’uomo un italiano di 37 anni, già noto alle forze dell’ordine, era stato arrestato l’altro giorno dai Carabinieri della Stazione San Lorenzo in Lucina per aver rubato una bicicletta in via Ottaviano.

Dopo essere stato condannato e rimesso in libertà, si è messo subito al “lavoro”, cioè rubando nuovamente una bicicletta in via Arenula, proprio davanti al Ministero della Giustizia. L’intervento è stato effettuato dai Carabinieri della Stazione di Roma Piazza Farnese i quali, riconoscendo il ladro, lo hanno immobilizzato, portato in caserma e trattenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di essere processato nuovamente con il rito direttissimo. CASAL BERTONE – SEQUESTRARONO E RAPINARONO UNA PERSONA IN CASA. INDIVIDUATI E ARRESTATI DAI CARABINIERI. Al termine di un’attività investigativa, scaturita da una rapina in abitazione e sequestro di persona, i Carabinieri della Stazione Roma Casal Bertone, in collaborazione dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Piazza Dante e della 6^ Sezione del Nucleo Investigativo di via in Selci, hanno arrestato due cittadini romeni, entrambi 26enni, indagati per il reato di rapina. I fatti risalgono al pomeriggio del 9 agosto scorso, quando gli arrestati riuscirono con una scusa a farsi aprire la porta di casa da un romano di 46 anni che abita in zona Casalbertone. L’uomo fu picchiato e legato ad una sedia con dei cavi elettrici, lenzuola e cinture, reperiti all’interno dell’abitazione, quindi derubato di gioielli, soldi, due cellulari e un televisore. Il 46enne, dopo alcune ore riuscì a liberarsi e a dare l’allarme al 112. Soccorso, fu accompagnato in ospedale dove gli furono riscontrate la frattura delle ossa nasali, varie contusioni ed escoriazioni al volto, collo e mani. La successiva attività investigativa avviata dai Carabinieri della Stazione di Casalbertone ha permesso di risalire agli autori della rapina. Ieri pomeriggio i militari hanno rintracciato i due stranieri e li hanno arrestati. Dopo avergli notificato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale Ordinario di Roma, sono stati condotti presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. POLIZIA E CARABINIERI INDIVIDUANO I RESPONSABILI DELLE AGGRESSIONI ALLA BALDUINA E A MONTESPACCATO: 2 GIOVANI FERMATI. Le indagini sviluppate nei giorni scorsi, in stretta collaborazione e sinergia, dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma-Trionfale e dai poliziotti dei Commissariati di P.S. di Monte Mario e Primavalle, hanno portato all’identificazione delle persone responsabili delle due rapine commesse la serata del 2 ottobre e la notte del 3 ottobre scorso, in Roma, in zona Montespaccato e nel quartiere Balduina, ai danni di un giovane che si trovava in compagnia della fidanzata e di un ragazzo che passeggiava con il cane. Gli investigatori hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto due giovani. L’attività d’indagine è stata condotta congiuntamente da Carabinieri e Polizia che hanno condiviso gli elementi acquisiti nel corso del primo intervento sulla scena dei due delitti, che sin dalle prime ore erano risultati palesemente riconducibili ad una stessa banda di autori. Gli elementi messi al vaglio della Procura hanno consentito di giungere all’identificazione degli autori. Proseguono le attività i cui esiti saranno comunicati durante la conferenza stampa che si terrà domani alle ore 11.00 presso il Comando Provinciale Carabinieri di Roma, Piazza San Lorenzo in Lucina n. 6.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Marco Luccarelli è scomparso da una settimana. L'appello del padre: "aiutatemi a ritrovare mio figlio"

  • La moglie muore in ospedale, il marito indagato per maltrattamenti e lesioni

  • “Vivo con le volpi dentro casa”. Con i lavori al polo logistico colleferrino gli animali scappano in cerca di cibo (video)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento