Roma, Esquilino  tre persone arrestate e due denunciate a piede libero. Sequestrati 170 kg di carne e pesce in cattivo stato di conservazione.

I Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante hanno portato a termine un servizio straordinario di controllo nel popoloso e multietnico quartiere dell’Esquilino, per prevenire, e laddove necessario reprimere, eventuali forme di illegalità e...

I Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante hanno portato a termine un servizio straordinario di controllo nel popoloso e multietnico quartiere dell’Esquilino, per prevenire, e laddove necessario reprimere, eventuali forme di illegalità e degrado.

L’operazione, svolta con la collaborazione dei Carabinieri del Comando Nucleo Antisofisticazione e Sanità, del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Nucleo Cinofili di Ponte Galeria, ha portato all’arresto di 3 persone e alla denuncia a piede libero di altre due.

In particolare sono finiti in manette un 21enne cittadino della Costa d’Avorio sorpreso a cedere tre grammi di marijuana ad un giovane acquirente che è stato segnalato. A seguito della perquisizione il pusher è stato trovato in possesso anche di altri 3 g cocaina; poi è stata la volta di un cittadino del Ghana di 19 anni, sorpreso in possesso di 11 g di hashish; infine è stata la volta di un 21enne cittadino dell’Ecuador che è stato sorpreso dai Carabinieri dopo aver rubato losmartphone ad un giovane studente.

Le denunce a piede libero, infine, hanno riguardato due cittadini del Bangladesh di 36 e 42 anni, rispettivamente titolare ed amministratore di un ristorante etnico ubicato in via Manin. A seguito dell’ispezione dell’esercizio, eseguita insieme ai Carabinieri del N.A.S e del N.I.L., i due sono stati deferiti poiché trovati in possesso di 150 kg di carne e 20 kg di pesce in cattivo stato di conservazione e per aver assunto un lavoratore in “nero” e privo di permesso di soggiorno. I due sono stati sanzionati con una multa di oltre 16 mila euro e il provvedimento di sospensione dell’attività.

ROMA – DUE RAPINE SVENTATE DAI CARABINIERI IN POCHE ORE. ALL’ESQUILINO, UN CITTADINO ALGERINO TENTA DI RAPINARE UN CALL CENTER.A TERMINI, DUE CITTADINI IRACHENI BLOCCATI NEL CORSO DI UNA RAPINA AD UN RISTORANTE ASIATICO.

Nel corso di due distinti servizi di controllo del territorio svolti nella giornata di ieri, i Carabinieri di Roma hanno arrestato 3 rapinatori (un cittadino algerino di 47 anni e due cittadini iracheni di 28 e 30 anni, tutti nella Capitale senza fissa dimora) con l’accusa di tentata rapina aggravata.

Il primo fatto è avvenuto in via Ugo Foscolo, a due pasi da piazza Vittorio Emanuele.

Qui, un cittadino algerino di 47 anni, armato di coltello, ha fatto irruzione in un call center intimando al gestore, un cittadino del Bangladesh di 35 anni, di consegnargli i soldi in suo possesso. Dei passanti, accortisi di quanto stava accadendo, hanno chiamato il “112” e in breve tempo le pattuglie del Nucleo Radiomobile di Roma e della vicina Stazione Roma piazza Dante sono intervenute riuscendo a bloccare il malvivente.

Il secondo intervento, invece, ha portato all’arresto dei due cittadini iracheni i quali, poco prima, erano entrati in un ristorante asiatico di piazza dei Cinquecento, luogo in questo periodo sorvegliato in modo particolare dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro proprio perché teatro di analoghi episodi avvenuti negli ultimi giorni. Questa volta i Carabinieri sono riusciti a bloccare i malviventi, uno dei quali era all’esterno con funzioni di “palo” mentre il complice, dopo aver scagliato una sedia nei confronti del titolare dell’esercizio, stava tentando di portare via il denaro contenuto nella cassa.

Il 47enne algerino, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato portato nel carcere di Regina Coeli mentre la coppia di iracheni è stata trattenuta in caserma in attesa del rio direttissimo.

PARIOLI SCASSINATORE DI PARCOMETRI ARRESTATO DAI CARABINIERI.

Un ladro romano di 53 anni è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Parioli mentre stava tentando di scassinare alcuni parcometri installati tra via Mercadante e via Corelli, ai Parioli.

Con degli arnesi da scasso che sono stati sequestrati, forzava le cassette di raccolta delle monete delle colonnine erogatrici dei tagliandi per la sosta a pagamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trattenuto in caserma, in attesa del rito direttissimo, dovrà rispondere di furto aggravato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Manette troppo strette: due agenti di Polizia penitenziaria a processo per lesioni contro un recluso

  • Ciclista ciociaro muore lungo la strada per Forca d'Acero

  • Coronavirus, bollettino 27 giugno: il Covid si riaffaccia in Ciociaria

  • Coronavirus in Ciociaria, bollettino 29 giugno: altro caso positivo da accesso al pronto soccorso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento