Roma, servizio interforze all’Esquino elevate sanzioni per 55.000 euro

Servizi interforze all’ Esquilino. Decine di controlli amministrativi effettuati per l’intera settimana da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza. al setaccio strutture ricettive, money transfer, bar e ristoranti. elevate...

Interforze

Servizi interforze all’ Esquilino. Decine di controlli amministrativi effettuati per l’intera settimana da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza. al setaccio strutture ricettive, money transfer, bar e ristoranti. elevate sanzioni per 55.000 euro.

Sono andati avanti per tutta la settimana i controlli amministrativi effettuati dagli uomini dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza nel quartiere Esquilino, che secondo un piano congiunto hanno passato al setaccio oltre 100 esercizi commerciali della zona quali money transfer, alberghi, bed & breakfast, bar e ristoranti. In uno degli esercizi commerciali controllati, un affittacamere di via Cairoli, gli uomini della Questura erano già intervenuti il 14 u.s., traendo in arresto un cittadino romeno resosi responsabile di tentato omicidio e sfruttamento della prostituzione. Nel corso del controllo effettuato in settimana, gli uomini del Commissariato Esquilino hanno accertato la presenza di numerosi avventori con precedenti di Polizia, alcuni dei quali non risultavano essere stati registrati nelle schedine alloggiati, oltre ad aver consentito ospitalità anche a cittadini stranieri privi di documenti d’identificazione. Una delle stanze, inoltre, era usata come luogo di prostituzione per una delle donne trovate ad alloggiare. Il titolare, pertanto, è stato denunciato ed è stata richiesta l’emissione di un provvedimento del Questore per la chiusura dell’attività. Controlli anche in un albergo di via Bixio, nel quale è stata riscontrato l’avvenuto ampliamento della capacità ricettiva e la mancanza della tabella dei prezzi. Ed un altro albergo, situato a poca distanza, è risultato usufruire delle prestazioni lavorative di un dipendente “in nero”. In tal caso, l’esercizio è stato sanzionato per 4.550 euro ed è stata proposta la sospensione dell’attività. Al termine, 5 sono state le persone denunciate, una, come detto, per la mancata registrazione delle persone ospitate ed altre 4 per la violazione della normativa sull’immigrazione; 7 inoltre le sanzioni amministrative comminate, per un totale di 20.535 euro. Controllati, inoltre, 5 bar, in alcuni dei sono stati sorprese persone con pregiudizi penali e per i quali sarà valutata la sospensione ai sensi dell’art. 100 del TULPS, e 4 negozi di alimentari. Controlli a tappeto sono stati effettuati anche dai Carabinieri della compagnia di Piazza Dante. In un affittacamere di via Rattazzi è stato riscontrato un ampliamento della capacità ricettiva, con una conseguente sanzione irrogata di circa 8.000 euro. In due negozi di alimentari i Carabinieri hanno riscontrato carenze sotto il profilo igienico sanitario e per la mancata esposizione dei prezzi. Circa mille euro la sanzione comminata ad entrambi. Controlli dei Carabinieri anche in vari esercizi commerciali addetti alla ristorazione; in due rosticcerie sono state riscontrate carenze igienico sanitarie per le quali è stata interessata la ASL di zona. In una delle due è stato altresì denunciato il titolare per aver attivato un sistema di videosorveglianza senza la necessaria autorizzazione. E’ di 14.000 euro in totale l’importo delle sanzioni amministrative irrogate. Numerosi controlli sono stati altresì effettuati dagli uomini della Guardia di Finanza, che hanno ispezionato 21 esercizi commerciali riscontrando in diversi casi varie irregolarità tra cui la mancata emissione di documenti fiscali. In uno degli esercizi commerciali controllati dai finanzieri sono stati sequestrati oltre 1 milione di pezzi di bigiotteria per la violazione del Codice del Consumo; in un altro, invece, oltre 6.000 giocattoli privi o con apposto indebitamente il marchio CE. una persona è stata denunciata per frode in commercio. E’ di 21.000 euro l’importo delle sanzioni amministrative comminate. GARBATELLA – LADRI D’AUTO FUGGONO ALLA VISTA DEI CARABINIERI MA VENGONO ARRESTATI. La scorsa notte, in via Annamaria Taigi, nel quartiere della Garbatella, nel corso di alcuni controlli del territorio, i Carabinieri della Stazione Roma Garbatella hanno arrestato due ladri d’auto, romani, coetanei di 26 anni, disoccupati e già noti alle forze dell’ordine. I due dopo aver forzato la portiera, di una fiat 500, stavano tentando di manomettere il blocchetto dell’accensione quando si sono accorti della pattuglia dei Carabinieri, così sono fuggiti a piedi e poi a bordo di un auto, intestata alla moglie di uno dei due, ma sono stati bloccati poco dopo sulla via Cristoforo Colombo. Nell’auto su cui viaggiavano i militari hanno rinvenuto e sequestrato diversi arnesi da scasso ed alcune chiavi falsificate. Portati in caserma per loro è scattato l’arresto con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso e trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa di essere processati in mattinata presso il Tribunale di Roma con il rito direttissimo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento