Roma, sventato colpo all’ufficio postale di via Banal. Arrestati 3 rapinatori

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Rieti e del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato, in flagranza di reato, 3 cittadini romani, di 58, 59 e 64 anni, tutti con precedenti, alcuni specifici, per il reato di tentata rapina aggravata in...

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Rieti e del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato, in flagranza di reato, 3 cittadini romani, di 58, 59 e 64 anni, tutti con precedenti, alcuni specifici, per il reato di tentata rapina aggravata in concorso.

La banda, giunta sul posto con mezzi propri, stava per assaltare l’ufficio postale di via Valentino Banal, che da poco aveva chiuso le porte al pubblico, e al cui interno era presente il solo personale intento ad effettuare le operazioni di chiusura. Mentre il 59enne si era appostato come palo, gli altri due, dopo aver calzato berretti di lana e scalda collo, armati di mazza in legno e di un grimaldello, si sono avvicinati alla porta di emergenza per fare irruzione.

In quel preciso istante, i militari, che stavano seguendo i tre da alcune ore, sono entrati in azione bloccandoli e ammanettandoli.

A seguito dell’intervento i Carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci e del Nucleo Investigativo di Rieti hanno sequestrato la moto di grossa cilindrata, di proprietà di uno dei rapinatori, a cui era stata applicata una targa falsa e tutto il materiale utile per lo scasso in uso ai malviventi.

Dopo l’arresto i rapinatori sono stati condotti presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

CAMPO DE’ FIORI – MOVIDA MOVIMENTATA, 5 PERSONE ARRESTATE DAI CARABINIERI.IN MANETTE 2 PUSHER E 3 GIOVANI CHE, DURANTE UNA LITE, HANNO COLPITO ALLA TESTA UN COETANEO CON UNA BOTTIGLIA.

Sono cinque le persone arrestate nella notte dai Carabinieri delle Compagnie Roma Centro, Roma piazza Dante e dell’8° Reggimento “Lazio”, impiegati nei servizi di controllo nei quartieri della movida della Capitale.

I primi a finire in manette sono stati due cittadini libici di 24 e 29 anni che, a seguito di un controllo scattato in piazza Campo dé Fiori, sono stati trovati in possesso di decine di dosi di hashish, confezionate singolarmente, pronte per essere vendute.

Poco dopo, sempre nella piazza di Giordano Bruno, è scoppiata una furibonda lite tra alcuni ragazzi, al culmine della quale un 19enne argentino è stato colpito alla testa da una bottigliata. I Carabinieri sono riusciti a rintracciare gli aggressori: sono tre coetanei della vittima, tutti romani, che sono stati arrestati con l’accusa di lesioni personali aggravate da uso di strumento atto ad offendere. La vittima ha riportato una ferita alla testa giudicata guaribile in 3 giorni

I cittadini libici sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo mentre i tre ragazzi romani sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

VIA DI TOR CERVARA – A BORDO DI UN SCOOTER RUBATO NON SI FERMANO ALL’ALT DEI CARABINIERI.DUE CITTADINI ROMANI INSEGUITI ED ARRESTATI.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due cittadini romani, rispettivamente di 36 e 47 anni, entrambi già noti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Montesacro, con l’accusa di ricettazione, lesioni personali e resistenza a Pubblico Ufficiale. Ieri sera, a bordo di uno scooter, in via di Tor Cervara, i due uomini non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri. Immediatamente ne è nato un breve inseguimento fino in via Antonio Fontanesi dove i due fuggitivi sono stati raggiunti dai militari. Dopo una strenua resistenza i due sono stati bloccati e arrestati. A seguito dei successivi accertamenti è emerso che il ciclomotore era stato denunciato rubato il 10 novembre scorso. I due malfattori sono stati accompagnati in caserma, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. Il ciclomotore è stato riconsegnato al legittimo proprietario

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Scontro frontale tra due auto lungo la Cassino-Formia: muore l'89enne Silvana Pellecchia

  • Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

  • Cassino, si barrica in un bar e ferisce al volto un carabiniere

  • Muore a 58 anni il carabiniere Vito Antonio De Vita. Lunedì i funerali

  • Supera l'auto della Polizia Provinciale, ma la multa per eccesso di velocità viene annullata perché illegittima

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento