Frosinone, incontro Pompeo rappresentanti agenzia formazione

Nella mattinata odierna i dipendenti dell’Agenzia Frosinone Formazione si sono riuniti in assemblea presso il Salone di rappresentanza della Provincia per discutere delle ormai note problematiche relative all’agenzia.

pompeo agenzia formazione

Nella mattinata odierna i dipendenti dell’Agenzia Frosinone Formazione si sono riuniti in assemblea presso il Salone di rappresentanza della Provincia per discutere delle ormai note problematiche relative all’agenzia.

Le rappresentanze sindacali hanno incontrato il Presidente Antonio Pompeo il quale ha ribadito l’impegno da parte dell’amministrazione provinciale di affrontare e risolvere la vicenda soprattutto tenendo presente il quadro normativo che si sta delineando intorno ai nuovi enti di area vasta.

“Comprendo – commenta il Presidente – le preoccupazioni che i lavoratori nutrono per la situazione di gravissimo disagio nel condurre l’attività lavorativa e per le retribuzioni del prossimo futuro. Per gli stipendi di novembre e dicembre, infatti, la Provincia è riuscita ancora una volta a provvedere con delle anticipazioni sui fondi della Regione Lazio. Il confronto si è protratto con reciproca chiarezza. Ho sintetizzato una situazione davvero difficile ai rappresentanti dei lavoratori: attualmente la Regione non ha ancora esplicitato se le competenze su questa agenzia resteranno, in deroga, alla Provincia. Di fatto la Formazione non fa parte delle deleghe che la Legge Delrio ci attribuisce. Inoltre la situazione finanziaria delle Province è talmente grave che se non interverranno novità entro pochi mesi tutti i nostri enti non saranno più in grado di erogare servizi . Impossibile, dunque, dare certezze o anche solo ipotesi di prospettive ai dipendenti dell’Agenzia di Formazione. Dobbiamo saperne di più e speriamo che ciò accada presto. Non solo per i lavoratori e i loro sacrosanti diritti ma anche per tutti quei ragazzi, oltre 900, che fruiscono dei servizi della formazione primaria svolta dalla nostra Agenzia. Per questo invito la Regione Lazio ad aprire un confronto diretto con le Province per fare fronte comune rispetto ad una necessaria riorganizzazione degli enti locali e delle loro competenze”.

CLASSIFICAZIONE SIN SU TUTTO IL TERRITORIO PROVINCIALE, IL PRESIDENTE POMPEO: “BENE IL SENATORE SCALIA. LA PROVINCIA PRONTA A SOSTENERE LA PROPOSTA, COINVOLGENDO TUTTI GLI ATTORI ISTITUZIONALI INTERESSATI”

Il risanamento della Valle del Sacco e di tutte le discariche presenti sul nostro territorio deve essere un obiettivo strategico prioritario, non solo per tutelare la salute dei cittadini, ma anche per rilanciare un progetto di sviluppo serio che garantisca la crescita e il rispetto dell’ambiente. Ecco perché non posso che apprezzare e sostenere l’impegno del senatore Francesco Scalia per la classificazione di tutta la provincia di Frosinone come zona SIN, dunque area destinataria di interventi di risanamento e riqualificazione ambientale”.

E’ quanto dichiara il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, che aggiunge: “Purtroppo non dobbiamo affrontare solamente il problema della discarica di via Le Lame, di cui oggi tanto si discute, ma esistono molteplici criticità ambientali sparse sul nostro territorio che hanno bisogno di un approccio globale e “provinciale”. La proposta del senatore Scalia va proprio in questa direzione e la Provincia di Frosinone è pronta a sostenerla dando forza all’obiettivo del risanamento, coinvolgendo istituzioni e associazioni”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Cassino, violento scontro una moto ed un'auto. Ragazzo rischia di perdere una gamba (foto e video)

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Incidente sul lavoro, falegname si amputa tre dita di una mano, è grave

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento