Grottaferrata calcio, la presidentessa Furlani: «Fotografia della stagione? Il campo pieno di bimbi»

Dalla stagione 2010-11, anno in cui la presidentessa Claudia Furlani allestì una squadra per onorare al meglio la memoria del fratello Stefano, ne è passato di tempo.

furlani sett (3)

Dalla stagione 2010-11, anno in cui la presidentessa Claudia Furlani allestì una squadra per onorare al meglio la memoria del fratello Stefano, ne è passato di tempo.

E il Grottaferrata calcio, a distanza di sette anni, è davvero cresciuto molto e forse mai come quest'anno lo ha fatto in termini esponenziali. «Siamo passati da 30 a quasi 200 iscritti – sottolinea con orgoglio Claudia Furlani -, anche se l'emozione della vittoria della Seconda categoria nella passata stagione rimane qualcosa di indelebile dal punto di vista sportivo. Certo, quest'anno sono stati fatti passi notevolissimi e ringrazio tutti coloro che hanno collaborato con noi, condividendo sempre quello che è lo spirito originario del nostro club: il ricordo di Stefano». Il quale, tra l'altro, verrà onorato una volta di più il prossimo 10 giugno con la disputa di un memorial che si annuncia ricco di grandi ospiti ed emozioni. Tornando alle sensazioni dell'annata calcistica che sta per finire, la Furlani porterà con sé una fotografia in particolare. «Vedere il campo pieno di piccoli calciatori che hanno indossato la nostra maglia col nome di mio fratello sul petto, è stato indubbiamente un orgoglio per me. Il seguito da parte dei genitori è stato enorme e sono grata a tutti loro». Il lavoro di Andrea Borsa sulla Scuola calcio è stato straordinario, così come ha rasentato la perfezione la stagione della neopromossa Prima squadra allestita dal ds Alberto Piancatelli e saggiamente guidata da mister Davide Vicale, tutti confermatissimi in vista del prossimo anno. «Siamo felici di ciò che hanno fatto i ragazzi: hanno espresso un calcio piacevole ottenendo buoni risultati. Rimane il rammarico per l'esito della semifinale di Coppa dove siamo usciti senza perdere contro la Luiss che ha poi portato a casa il trofeo (tra le polemiche, ndr)». Da adesso è tempo di pensare al futuro. «Per la prossima stagione c'è voglia di migliorarsi ancora e di alzare l'asticella, anche perché già quest'anno il gruppo della Prima categoria ha dimostrato di potersela giocare alla pari con le big del girone – spiega la Furlani – A breve, inoltre, saranno annunciate importanti novità a livello organizzativo: l'invito per tutti è di continuare a sostenerci e far parte della nostra grande famiglia sportiva».