Colleferro, banchetto informativo prima del Consiglio Comunale sui dati ERAS

Informazione preventiva prima del Consiglio Comunale, è stata attuata dalla Rete per la Tutela della Valle del Sacco, Comitato dei residenti e Associazione Mamme di Collferro,per meglio informare la cittadinanza sul rapporto Eras.

Informazione preventiva prima del Consiglio Comunale, è stata attuata dalla Rete per la Tutela della Valle del Sacco, Comitato dei residenti e Associazione Mamme di Collferro,per meglio informare la cittadinanza sul rapporto Eras.

La minoranza consiliare è riuscita ad ottenere un punto all’Ordine del Giorno per il Consiglio Comunale che si dovrà tenere il 6 prossimo proprio per parlare del delicato argomento. Così

giovedì 6 giugno, dalle ore 9.30, in piazza Italia, ci sarà a disposizione della città un banchetto per la divulgazione di materiale informativo relativo al Rapporto ERAS (Epidemiologia Rifiuti Ambiente Salute), iscritto all'ordine del giorno della seduta straordinaria del Consiglio comunale, richiesta dai gruppi di opposizione nell’ottobre 2012.

Il Rapporto ERAS è uno studio, curato da strutture pubbliche (DEP, Dipartimento di epidemiologia del Servizio sanitario regionale, regione Lazio e ARPA, Agenzia regionale per l'ambiente), sulle malattie della popolazione residente nei territori dove sono attivi impianti di trattamento dei rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“ Scopo del Rapporto ERAS- scrivono i presidenti delle tre associazioni: Alberto Valeriani, Ina Camilli, e Elisa Tardone- è conoscere gli effetti degli inquinanti sull'uomo e sull'ambiente. Lo studio ha dimostrato in modo analitico e provato con i dati il nesso causale tra esposizione e stato di salute delle persone residenti tra i 2 ed i 5 km di distanza dagli impianti, evidenziando patologie tumorali e criticità nei tassi di ospedalizzazione attribuibili all'inquinamento prodotto dagli impianti per il trattamento dei rifiuti”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento