Colleferro, il sindaco Cacciotti vorrebbe che Berlusconi svolgesse i servizi sociali in città

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Il sindaco Mario Cacciotti si fa avanti in merito all’affidamento in prova ai servizi sociali dell’on. Silvio Berlusconi e propone di ospitarlo a Colleferro. “Sono a disposizione per

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Il sindaco Mario Cacciotti si fa avanti in merito all’affidamento in prova ai servizi sociali dell’on. Silvio Berlusconi e propone di ospitarlo a Colleferro. “Sono a disposizione per accoglierlo nella nostra città – dice il Sindaco -. Ci sono qui da noi diversi settori dei quali l’on. Berlusconi potrebbe occuparsi e nei quali potrebbe dare un contributo significativo per la nostra Comunità. Ad esempio si potrebbe occupare del museo marconiano, più in generale delle questioni legate alla cultura, o anche delle stesse problematiche dei servizi sociali. Non mancano di certo temi nei quali una persona con la sua esperienza possa impegnarsi ottenendo dei buoni risultati. Ad ogni modo il nostro Comune è fin da ora disponibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Colleferro, città a 40 km a sud di Roma, conta circa 22.000 abitanti. Relativamente giovane, essendo nata ufficialmente con Legge XIII n. 1147 del 13 giugno 1935, trae le sue origini da un nucleo preesistente nella zona a ridosso della Stazione FS (ex Segni–Paliano) sulla Via Casilina. Dapprima con lo Zuccherificio della Soc. Valsacco, in seguito con lo stabilimento di produzione di polveri da lancio e scoppio della Soc. Bomprini Parodi Delfino e con la “Calcementi Segni” si trasforma da borgo a centro industriale di primo piano, oggi famoso in tutto il mondo, soprattutto per esserci una delle sedi dell’industria spaziale europea per la produzione dei razzi “ARIANE” e "VEGA". Il suo particolare assetto urbanistico, che fu progettato dal noto ingegnere Riccardo Morandi, la fa rientrare nelle “Città di Fondazione”, istituite con legge regionale. Diversi i beni culturali degni di attenzione: i rifugi cittadini antiaerei, i resti dei due castelli medievali, gli edifici storici morandiani, la Collezione Cremona sui mezzi di comunicazione, entrata nel Guiness dei Primati, il Museo archeologico, ricco di reperti di alto valore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Ceprano-Frosinone, maxi tamponamento tra due camion in A1. Diversi i feriti

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento