Fiuggi, al teatro comunale in viaggio con Ufagrà - Antonio Fiore dal 2 al 31 agosto 2014

Dopo i recenti successi romani con la partecipazione al Padiglione Italia della 54 Biennale di Venezia a  Palazzo Venezia,  con la personale da Tartaglia Arte, con l’antologica al CERP Rocca Paolina di Perugia, con le personali  alla Galleria...

Segni Studio 4 A. Fiore a lavoro

Dopo i recenti successi romani con la partecipazione al Padiglione Italia della 54 Biennale di Venezia a Palazzo Venezia, con la personale da Tartaglia Arte, con l’antologica al CERP Rocca Paolina di Perugia, con le personali alla Galleria Vittoria di Via Margutta ed alla Sala Convegni e mostre Gangemi Editore, e dopo aver realizzato il logo del 25° Premio Internazionale Professionalità “Rocca D’Oro” 2014, Antonio Fiore, definito dalla critica specialistica l’erede dei futuristi, approda a Fiuggi, ospitato dal Comune con una cospicua antologica che verrà inaugurata sabato 2 agosto alle ore 18,00 per rimanere aperta fino al 31 agosto.

La mostra si avvale del patrocinio del Comune di Fiuggi e del Comune di Segni suo paese natale.

Per l’artista di Segni si tratta in realtà di un ritorno nel comune di Fiuggi, poiché vi espose varie volte, l’ultima nel 2007 all’Officina della Memoria e dell’Immagine.

“Antonio Fiore – In Viaggio con Ufagrà”, presenterà una cinquantina di opere, fra disegni, dipinti e sculture datate fra il 1978 e il 2014, articolate in sei aree tematiche che declinano il suo linguaggio: “Quadri messaggio di UFAGRA’ “ ; “Campi totali dello spazio”; “Fughe plastiche nello spazio”; “Foreste cosmiche segnaletiche”; “Il sacro di UFAGRA”; “Il celebrativo di UFAGRA’”. A corredo dell’esposizione verrà pubblicato un catalogo edito daGangemi Editore, con la presentazione di Fabrizio Martini, Sindaco di Fiuggi, e con testo di Giorgio Di Genova.

Antonio Fiore, nato a Segni nel 1938, studi universitari di economia alla Sapienza di Roma interrotti per una precoce, brillante carriera dirigenziale in aziende come ENEA, Gepi, Klopman, collezionista pignolo che con gli artisti voleva un rapporto diretto, non solo commerciale, dal 1978 comprende che poteva anche lui avere qualcosa da esprimere in fatto di arte e, stimolato da Sante Monachesi, noto pittore con un passato da futurista, fondatore nel 1962 del movimento neofuturista AGRA’, si mette a dipingere avviando il discorso dei “Quadri messaggio AGRA’ “ usando anche la tecnica del collage. Da allora, coniuga la ricerca artistica con l’attività manageriale, continuando ad avere rapporti con altri personaggi del mondo dell’arte come le sorelle Luce ed Elica Balla, figlie di Giacomo Balla, il grande protagonista del Futurismo, o come Francesco Cangiullo, futurista parolibero napoletano molto caro a Marinetti.

Comincia ad esporre in numerose città italiane e all’estero, ottenendo sempre successo col suo linguaggio di forme fiammiformi dinamiche e variopinte con le quali compone palinsesti fantastici ambientati nel sidereo, che all’inizio, con i quadri-messaggio, contengono brevi frasi, esclamazioni; quelle che i futuristi definivano “parolibere”, messaggi che presto spariscono per lasciare il campo unicamente al colore, pieno e piatto delle sue lingue che si attorcigliano e svettano verso dimensioni ignote. La prima personale è del 1980 alla Galleria “La Gatta” di Colleferro. Fiore si firma Ufagrà (Universo Fiore AGRA’), così battezzato artisticamente da Monachesi che lo presenta in catalogo.

Si susseguono le mostre nelle principali città italiane e all’estero e di lui comincia ad interessarsi la critica più qualificata, in particolare quella che si occupa dello studio e dell’approfondimento del Futurismo. E negli anni Ottanta, oltre a Monachesi, c’erano anche altri artisti che il Futurismo lo avevano vissuto in prima persona, seppure nella sua estrema stagione, e allora Fiore non poteva non avere con loro un rapporto. Fra questi Enzo Benedetto che nel 1967, convinto della continuità del Movimento marinettiano, aveva lanciato la “ Dichiarazione Futurismo Oggi” e un’omonima rivista e che raccolse inizialmente intorno al suo discorso futuristi come Gerardo Dottori, Tullio Crali, Alessandro Bruschetti, Osvaldo Peruzzi, Mino Delle Site ed altri.

Nel 1989 inizia un fecondo rapporto con lo storico dell’arte Giorgio Di Genova che segue tutt’ora l’artista, il quale gli cura una importante antologica nel 1991 nel Complesso Monumentale di San Michele a Ripa. E’ la stagione della “pittura a campo totale”. Verso la metà degli anni Novanta, l’artista sperimenta nuove forme da dare all’opera; nascono così i legni sagomati, dove i suoi motivi acquistano tridimensionalità, le “tempeste e le foreste cosmiche”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo agli esegeti di Fiore si sono aggiunti Rossana Bossaglia e Franca Calzavacca e poi Carlo Fabrizio Carli. La sua pittura si arricchisce di elementi polimaterici come l’acciaio che, oltretutto, riflette ed amplifica le forme di chi guarda il quadro. Del 2005 è un’altra mostra fondamentale dell’artista, al Vittoriano di Roma presentato da Claudio Strinati, Giorgio Di Genova e Rossana Bossaglia, come del resto quella del 2008 al Museo Nazionale degli Strumenti Musicali di Roma, con testo di Gabriele Simongini ed inoltre quella del 2009 alla Galleria Vittoria di Roma, in occasione delle celebrazioni del Centenario del Futurismo, con testo di Giorgio Di Genova. Nel 2011 ha esposto da Tartaglia Arte di Roma presentato da un lungo testo di Giovanni Lista, il noto storico del Futurismo che, per la prima volta, si interessa di Fiore. Lo stesso anno Sgarbi invita l’artista di Segni a Palazzo Venezia di Roma per la sezione laziale del Padiglione Italia della 54.a Biennale di Venezia. Del 2012 è l’importante antologica al CERP- Rocca Paolina di Perugia, a cura di Massimo Duranti in collaborazione con Andrea Baffoni e Francesca Duranti. Nel 2013 ha esposto alla Galleria Vittoria di Via Margutta a Roma e recentemente alla Sala convegni e mostre Gangemi Editore - Roma. Ultima sua creazione il logo per il 25° Premio Internazionale Professionalità “ Rocca D’Oro” 2014 di Serrone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Alatri, tragedia a Tecchiena: scoppia bombola di gas e muore un anziano. Identificata la vittima

  • Sesso in strada durante la quarantena, ragazza ciociara beccata e denunciata

  • Coronavirus, muore dopo essere guarito dal Covid-19

  • Perde il controllo del grosso tir e si intraversa su via Palianese (foto e video)

  • Coronavirus, contagi in discesa in Ciociaria. Oltre a due malati oncologici, deceduto un paziente della Città Bianca

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento