Frosinone, area di crisi complessa approvato o.d. g. presentato da Scalia e firmato anche dalla Spilabotte che ha partecipato al MISE per la Ideal Standard

Il Senato ha approvato l’ordine del giorno proposto dal Senatore Francesco Scalia (PD), e sottoscritto anche dalla Sen Maria Spilabotte, che impegna il Governo a riconoscere l’area industriale di Frosinone quale area in situazione di crisi...

Il Senato ha approvato l’ordine del giorno proposto dal Senatore Francesco Scalia (PD), e sottoscritto anche dalla Sen Maria Spilabotte, che impegna il Governo a riconoscere l’area industriale di Frosinone quale area in situazione di crisi industriale complessa e ad adottare, d’intesa con i soggetti pubblici e privati interessati, un apposito Progetto di riqualificazione industriale dell’area.

"L'ordine del giorno - ha dichiarato soddisfatto il Senatore Scalia - è un passo in avanti importante per il rilancio occupazionale ed economico del nostro territorio. Il governo, infatti, si è impegnato ad adottare il progetto di riqualificazione industriale dell'area che consentirà di attrarre nuove imprese tecnologicamente innovative e di realizzare infrastrutture a servizio delle stesse".

La Senatrice Maria Spilabotte all’incontro al MISE sulla situazione Ideal Standard

Questa mattina (Martedì 11 Giugnp) presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è svolto l’incontro sulla situazione Ideal Standard tra rappresentanti istituzionali, parti sociali e azienda (per quanto non rappresentata dalla proprietà ma solo il management che si occupa della produzione in Italia) per conoscere il piano industriale di rilancio. All’incontro hanno partecipato i rappresentanti delle Regioni del Veneto, del Friuli Venezia Giulia e del Lazio (le tre regioni dove sono presenti gli stabilimenti). Con loro la senatrice Maria Spilabotte che si è recata a Roma in treno, viaggiando con i lavoratori designati all’incontro. Tutti i presenti hanno ribadito la netta contrarietà all’ipotesi di chiusura anche di uno solo degli stabilimenti, sottolineando l’impegno congiunto per il mantenimento degli attuali tre siti produttivi. I rappresentanti della proprietà hanno preso ulteriore tempo. “Come ho dichiarato durante il vertice – ha spiegato la Senatrice Spilabotte – sono rimasta delusa dal fatto di non aver visto un vero piano industriale ma solo un ottimo lavoro in power point che indicava i percorsi già stabiliti nell’accordo di programma dal 2009 fino ai giorni nostri, tant’è che la parte espressione della volontà della proprietà si è presa altre 4-5 settimane di tempo per trovare una soluzione ai problemi dovuti alla crisi. Tra queste proposte c’è il trasferimento dei volumi di produzioni da altri stabilimenti verso l’Italia, il ridimensionamento parziale di tutti e tre i siti italiani, la valutazione della disponibilità degli ammortizzatori sociali quali: la casa integrazione in deroga, l’orario part time per tutti i dipendenti del settore industriale, la cessazione della produzione in alcuni siti per ridurre la sovracapacità, oppure la vendita ad un imprenditore esterno che si impegni per il reimpiego per le risorse umane. Noi da parte nostra siamo pronti a fare tutti i passaggi che servono, in ogni sede opportuna, per tutelare i posti di lavoro”. Inoltre, la Senatrice Maria Spilabotte, quale membro della Commissione Lavoro, si è impegnata affinché il ministero del lavoro possa prendere in considerazione l’utilizzo del contratto di solidarietà per cinque anni anziché i quattro attualmente previsti. Spiega Spilabotte: “Faremo il possibile per garantire un lasso di tempo maggiore all’azienda, con l’obiettivo di favorire nel contempo la società a redigere un piano industriale di rilancio vero e ambizioso, tale non solo per salvaguardare gli attuali livelli occupazionali ma efficace a tal punto da apportare nuova produzione e passare a un regime diverso dalla solidarietà attuale”.

La Senatrice Maria Spilabotte ospite della trasmissione “Tg5 Punto Notte” su Canale Cinque

La Senatrice Maria Spilabotte sarà ospite della trasmissione “Tg5 Punto Notte”, l’approfondimento di informazione di Canale 5, curato da Clemente Mimun, Claudio Fico e Andrea Pucci, e condotto da Gioacchino Bonsignore, assieme a Susanna Galeazzi e Francesca Pozzi. La Senatrice Maria Spilabotte parteciperà alla puntata che andrà in onda, in diretta, Mercoledì 12 Giugno alle ore 23,30, e che affronterà il tema della regolamentazione della prostituzione, visto che è al vaglio della Senatrice Spilabotte la presentazione di un disegno di legge riguardante questa delicata materia. Spiega la Senatrice Spilabotte: “Molti paesi europei hanno capito da tempo che l’unico modo per separare il mercato coatto della violenza e dell’illegalità è regolamentare la materia che attiene solo alla prostituzione volontaria, reprimendo lo sfruttamento e chi si rende protagonista della tratta delle donne e dei minori. Non possiamo continuare a far finta di niente, i dati parlano chiaro e ci dicono quanto sia una pratica molto diffusa. Non sia più un tabù parlare di questi temi, nella convinzione che il rispetto dei diritti di ciascuno non possa che passare dalla previsione di regole, e che governare un fenomeno sia di gran lunga più efficace che proibirlo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Piglio-Anagni, rifiuti e mazzette. Gare vinte grazie a soldi ed auto a noleggio al tecnico comunale

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento