Frosinone, botta e risposta tra Ottaviani e De Angelis sull’utilizzo del palazzetto dello sport

"Constatare che i socialisti di Frosinone arrivino a svolgere la funzione di addetto stampa di una azienda privata, significa far rigirare nella tomba Pietro Nenni- dichiara il Sindaco Nicola Ottaviani-

Frosinone, botta e risposta tra Ottaviani e De Angelis sull’utilizzo del palazzetto dello sport

"Constatare che i socialisti di Frosinone arrivino a svolgere la funzione di addetto stampa di una azienda privata, significa far rigirare nella tomba Pietro Nenni- dichiara il Sindaco Nicola Ottaviani-

Ci spieghino, oggi, i socialisti se vogliono far gravare sulle casse comunali le bollette di luce, acqua e gas consumate dalle associazioni private che utilizzano il palazzetto. Probabilmente avevo un'altra idea di socialismo, quello che conoscevo si occupava delle classi sociali più deboli e non di quelle privilegiate. Abbiamo incontrato a più riprese i rappresentati di diverse società sportive,che ancora non versano al comune canoni arretrati. Siamo dell'avviso – aggiunge Ottaviani - che, se

anche gli appartamenti dell'Ater prevedono un canone di affitto, non vedo per quale motivo l'amministrazione comunale debba gravarsi dei costi delle utenze solo a favore di alcune società a discapito di altre. Basti pensare che anche per i ragazzi della scherma, che sono appena trenta-quaranta unità, le disposizionidella Corte dei Conti non ammettono alcuna deroga. Se un bene é pubblico, come il palazzetto, è giusto che tutti abbiano lo stesso trattamento e condizioni di accesso".

DE ANGELIS: “IL SINDACO NON RIFUGGA IL CONFRONTO MA FAVORISCA UN DIALOGO PER FARE CHIAREZZA SULLA VICENDA”

Credo sia opportuno al più presto fare chiarezza sul Palasport”. Così esordisce l’eurodeputato Francesco De Angelis intervenendo sulla questione delle problematiche relative all’utilizzo dell’impianto sportivo comunale della zona Casaleno. Prosegue De Angelis: “Ancora una volta costatiamo un atteggiamento di chiusura da parte dell’amministrazione comunale che invece di favorire il dialogo rifugge il confronto. Questo modo di fare sta creando apprensione nelle società sportive che usufruiscono della struttura che, ad un mese dall’inizio delle attività agonistiche, ancora non riescono a programmare la nuova stagione. Riguardo ai costi di gestione che il sindaco ha sbandierato ai quattro venti, probabilmente non vi è chiarezza. Intanto per le opere di ristrutturazione effettuate dalle società, non ancora riconosciute; e poi sappiamo bene che ad usufruire della struttura sono diverse associazioni, professionistiche e non; senza contare che spesso vi si sono svolti eventi e manifestazioni extrasportive. Per far si che si saldi, occorre anche capire quali siano effettivamente i costi sostenuti dalle singole società. Inoltre il sindaco Ottaviani ha dichiarato che ci sono società che pagano ed altre no: bene, ci dica quali sono quelle che pagano, in modo da cominciare a fare un pò di chiarezza, che è il primo passo da compiere per giungere alla conclusione di questa spiacevole vicenda”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Due carabinieri investiti da una macchina che ha forzato il posto di blocco

  • Coronavirus, dallo "Spallanzani'' azzerano per ora anche i presunti casi di Frosinone

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

  • Cassino, cade in un tombino lasciato aperto e si rompe la faccia

  • Cassinate, nonna Teresa muore di crepacuore a distanza di poche ore dall'adorato nipote

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento