Frosinone, controlli severi sul lavoro comminata una multa di 30.000 euro

In data odierna in Frosinone i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, unitamente ai colleghi della Stazione Capoluogo, ai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Frosinone e al Personale del Comando della...

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In data odierna in Frosinone i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, unitamente ai colleghi della Stazione Capoluogo, ai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Frosinone e al Personale del Comando della Polizia Locale, al termine di accertamenti investigativi:

  • deferivano in stato di libertà, per violazione dei sigilli, danneggiamento di cose sottoposte a sequestro,assenza di permesso di costruire, violazione normativa sismica e violazione normativa sul cemento armato e struttura metallica”, un commerciante 31enne in qualità di committente dei lavori.
  • elevavano sanzioni amministrative di circa € 30.000,00 per “omessa consegna contratto di lavoro e modifiche alle disposizioni in materia di lavoro irregolare”, nei confronti di un 53enne, in qualità di assuntore dei lavori.

Il personale operante, nel corso di un mirato servizio volto a reprimere l’abusivismo edilizio e il fenomeno del “lavoro nero”, nel pomeriggio di ieri faceva accesso all’interno di un cantiere edile abusivo, sito nella parte bassa di Frosinone e già sottoposto a sequestro dalla Polizia Locale il 28 gennaio scorso per diverse violazioni edilizie. Nell’area in costruzione venivano trovati il committente edile e l’assuntore di fatto dei lavori e inoltre nel cantiere, ove veniva riscontrato che i lavori erano proseguiti nonostante il sequestro, venivano sorpresi 10 operai (3 rumeni e 7 italiani) tutti irregolari di cui uno con funzione di vedetta. Sul sito al termine delle operazioni venivano nuovamente apposti i sigilli. CASSINO, ARRESTATO UN 32ENNE PER DROGA Nel pomeriggio di ieri in Cassino i militari del NORM della locale Compagnia traevano in arresto A.G., 32enne nei confronti del quale il GIP del Tribunale di Cassino emetteva l’ordinanza di custodia cautelare poiché ritenuto responsabile di spaccio continuato di sostanze stupefacenti del tipo eroina e hashish. L’ordinanza di custodia cautelare scaturisce dalle indagini condotte dai Carabinieri del NORM dopo l’arresto in flagranza del 32enne avvenuto nel decorso mese di novembre, allorquando fu trovato in possesso di alcune dosi di sostanza stupefacente già confezionate e pronte per la cessione a terzi. Nel corso della perquisizione domiciliare i militari operanti trovarono materiale utilizzato per il taglio e confezionamento dello stupefacente nonché un block notes in cui erano riportati analiticamente nominativi e somme riscosse per cessioni di stupefacenti. Proprio dall’escussione dei cosiddetti “clienti” è stato accertato che il giovane cedeva dosi di stupefacente, a volte con cadenza giornaliera, a numerosi tossicodipendenti del cassinate. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva ristretto in regime di arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento