Frosinone: incontro su multiservizi in prefettura molto produttivo. La Regione si impegna

Si è svolto oggi presso la sede della Prefettura di Frosinone il tavolo di concertazione per trovare una soluzione alla vicenda Multiservizi.

Si è svolto oggi presso la sede della Prefettura di Frosinone il tavolo di concertazione per trovare una soluzione alla vicenda Multiservizi.

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, il Prefetto di Frosinone Eugenio Soldà, il Vescovo della Diocesi di Frosinone Ambrogio Spreafico, l’Assessore al Lavoro della Regione Lazio, Lucia Valente, il Commissario straordinario della Provincia Giuseppe Patrizi, il Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, il Sindaco di Alatri Giuseppe Morini e le organizzazioni sindacali. Presente anche la Vicepresidenza della Regione Lazio.

“Con la creazione di una newco, una nuova società in house, riprendiamo il percorso già tracciato nel 2012 – ha dichiarato l’Assessore al Lavoro Lucia Valente - Abbiamo programmato, già per la prossima settimana, un tavolo tecnico in cui tutti gli attori coinvolti discuteranno il nuovo piano industriale per arrivare ad una soluzione il prima possibile e mettere la parola fine al disagio che da troppo tempo vivono i 270 lavoratori della Multiservizi di Frosinone”.

"La situazione di disagio dei 270 lavoratori – ha dichiarato il Sindaco di Frosinone Ottaviani - che dura purtroppo da 17 anni, deve trovare una soluzione concreta, immediata e compatibile con la finanza degli Enti, attualmente soci della Multiservizi in liquidazione. Se il piano aziendale dovesse dimostrare la piena sostenibilità economica, nel limite dei 2,5 milioni di euro stanziati dal Comune di Frosinone, con l'indicazione chiara di tutti i costi di produzione che prescindono da mobilità e cassa integrazione, allora il Municipio del capoluogo potrà sentirsi tranquillo e, soprattutto, eviterà di dover ricorrere a ripianare i disavanzi annuali dell'azienda, come accaduto fino ad oggi.

Questo dovrà avvenire entrò la prossima settimana – ha concluso Ottaviani - in quanto il Comune di Frosinone, a differenza degli altri enti soci, non ha ancora ricevuto l'approvazione del piano di risanamento decennale dei propri conti pubblici, da parte della Corte dei Conti e del Ministero degli Interni, rischiando altrimenti, ancora oggi, la dichiarazione di dissesto".

Al centro dell’incontro la proposta della Regione sulla creazione di una nuova società in house con la messa in liquidazione delle due società (Multiservizi e Servizi strumentali) già esistenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti i protagonisti seduti intorno al tavolo sono decisi a trovare, al più presto, una soluzione al problema. La percorribilità della proposta della Regione e la presentazione del nuovo piano industriale saranno al centro di un tavolo tecnico già programmato, sempre presso la Prefettura di Frosinone, per la prossima settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Ceprano-Frosinone, maxi tamponamento tra due camion in A1. Diversi i feriti

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Cade in una buca di scarico con la figlioletta di 18 mesi, la piccola trasferita a Roma

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento