Frosinone, Amata; triste primato per il Lazio: record di tassazione a livello locale

Il Lazio del Presidente Zingaretti occupa la prima posizione in una speciale classifica che compara le regioni italiane, così come evidenziato da “Il Sole 24” nell’edizione di ieri. Peccato che non si tratti di un primato in positivo, ma è la...

Il Lazio del Presidente Zingaretti occupa la prima posizione in una speciale classifica che compara le regioni italiane, così come evidenziato da “Il Sole 24” nell’edizione di ieri. Peccato che non si tratti di un primato in positivo, ma è la classifica sulla tassazione a livello locale in cui siamo leader. Come nel celebre film di Totò, possiamo definirci “I Tartassati”, ma senza, al contrario, che ci sia nulla da ridere”. E’ quanto afferma il vicepresidente della Provincia Andrea Amata.

“Il mantra ripetuto dal Governatore del Lazio è quello dell’aumento delle tasse per uscire dalla gestione commissariale della sanità, per ridisegnare in futuro un nuovo modello di assistenza più consono alle aspettative dei cittadini del territorio. Ma ad oggi, tuttavia, nonostante la procedura di commissariamento ormai sia in fase di superamento, le tasse locali continuano ad essere elevate e ad essere innalzate, senza colpo ferire”.

“A questo sistema di imposizione fiscale – aggiunge Amata – contribuiscono anche i cittadini della provincia di Frosinone, che però in cambio di imposte come l’addizionale Irpef al massimo, hanno un sistema sanitario che definire allo sfascio è un eufemismo, alla luce della carenza di personale, intasamento dei pronto soccorso, chiusura di reparti e taglio di servizi”.

“Troppo facile governare in questo modo – spiega il vicepresidente della Provincia – Frosinone e la Ciociaria hanno diritto, stante l’omogeneità del sistema impositivo, ad avere gli stessi servizi e ospedali del resto della regione. Anche se la realtà va in tutt’altra direzione. E le notizie di questi giorni, sul possibile accorpamento della Asl di Frosinone con Latina, non lasciano molte speranze, nonostante le rassicurazioni balbettate dalla dirigenza dell’azienda sanitaria. Di Robin Hood al contrario, che sottraggono a chi meno ha e concedono a chi già ha molto, ne abbiamo abbastanza. Sarebbe ora di invertire la rotta, quanto meno abbassando l’iniqua mannaia della tassazione locale, che oltre ai cittadini, colpisce le imprese e l’economia a tutto discapito della crescita e dell’occupazione”.

“L’appartenenza e gli interessi del territorio – conclude Amata- va anteposta a qualsiasi disciplina di partito perche la priorità è quella di essere in sintonia con le esigenze della collettività che rappresentiamo”.

POMPEO: “BASTA CON LA POLITICA DELLE CHIACCHIERE. AFFRONTIAMO I REALI PROBLEMI DI QUESTO TERRITORIO”

“Condivido in pieno le parole pronunciate da Monsignor Nunzio Galantino: la politica non deve essere un puzzle di ambizioni personali, la politica è ben altro, indicando l’esempio di uno statista come Alcide De Gasperi. Un modello che guarda alla concretezza e ai reali problemi della gente, e con questi si misura ogni giorno per cercare di risolverli. Ecco perché poco mi ritrovo con i “contenuti ferragostani” del dibattito politico che infiamma dalle nostre latitudini”. E’ quanto dichiara il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo.

“Ho deciso volutamente di tenermi a distanza dal dibattito “in sandali e bermuda” che ha animato le ultime giornate in provincia di Frosinone: non lo condivido, non mi interessa e credo che non interessi nemmeno alla gente. Serve solo ad alimentare il sentimento antipolitico. Un esempio le ultime esternazioni di Iannarilli sul supposto caos politico amministrativo alla Provincia di Frosinone: una “ferragostana” affermazione, forse conseguenza di una cocomerata un po’ esagerata, da parte di uno dei principali responsabili dei problemi che attualmente vive la Provincia. Potrei fare un elenco del caos prodotto, da fare invidia a quello del Raccordo anulare nell’ora di punta. Ma non mi appartiene, ripeto. Non serve elencare problemi e fare scaricabarile, i problemi mi interessa risolverli”.

“Però le parole di monsignor Galantino – aggiunge Pompeo - una riflessione me la suggeriscono: passi per la pausa vacanziera, ma la politica locale abbandoni la disconnessione evidente con il mondo reale e guardi a chi sta in difficoltà e alle soluzioni utili a far ripartire il nostro territorio. Le candidature, per esempio, non possono essere argomento da cena o caminetti ristretti; vanno decise in base al merito, alla capacità, alle qualità dimostrate nell’esercizio di un cursus honorum in cui ci si è misurati con i problemi reali della quotidianità”.

“Due sono gli esempi che mi piace citare. Da una parte il gruppo unico del Pd alla Provincia di Frosinone, un “non tema”. Il gruppo unico del Pd non ha bisogno di formalizzazioni, ma di gente che ha voglia di impegnare “gratuitamente” il suo tempo a servizio di una comunità di 500mila persone. Dall’altro lato, il rilancio del sistema economico ed occupazionale attraverso Fca e le nuove produzioni a Piedimonte. La Provincia ha dato un importante segnale, pur in un momento di difficoltà economica, recuperando economie della legge 46 per la manutenzione stradale, in collaborazione con la Regione Lazio. La politica che sogno io, soprattutto da parte di quelle Istituzioni che hanno capacità di spesa, si pone questi obiettivi e agisce di conseguenza. All’Amministrazione provinciale, pur nel pieno di un processo di riforma e dei mancati trasferimenti di risorse, è proprio la concretezza il riferimento: per l’Agenzia di Formazione, sanando le spettanze del personale e lavorando per un nuovo modello di gestione, trasparente ed efficace; per la manutenzione stradale, cercando risorse utili a garantirla; sull’assistenza specialistica, assicurando un così importante servizio di civiltà; sull’edilizia scolastica, risolvendo le tante emergenze in corso; sul servizio idrico, approvando un Piano di investimenti che da anni giaceva nei cassetti e con il quale impostare un diverso rapporto con Acea; sulla razionalizzazione delle spese, tagliando fitti su immobili e chiudendo definitivamente società partecipate; sulla raccolta differenziata, per la quale a breve, una volta ripresa la normale attività amministrativa, potremo sbloccare le risorse regionali e metterle a disposizione degli Enti locali”.

“Su tale campo – continua il Presidente della Provincia - sono pronto ad aprire il dibattito e la discussione, forse per deformazione professionale di chi fa l’amministratore locale h24. E gli organi di informazione potrebbero dare una grossa mano in tal senso, spostando la barra dell’attenzione proprio su questioni reali”.

“Forse le parole di monsignor Galantino - conclude Antonio Pompeo - accompagnate dagli acquazzoni di queste ore, possono essere utili a rinfrescare le idee a tutti, anche ai protagonisti del dibattito in corso in provincia di Frosinone. Basterebbe già che ognuno si limitasse a svolgere al meglio il proprio compito, senza appropriarsi di competenze che non gli appartengono. A fare squadra. Da settembre ripartiamo da questo punto fermo e condiviso”.

Potrebbe interessarti

  • Una cerimonia a Cortina per ricordare Fabrizio Spaziani, il medico ciociaro precipitato con l'elicottero (foto e video)

  • Ferentino, gioca un euro al "Million Day" e si porta a casa un milione

  • Spazio, c'è la firma della brillante astronoma frusinate Sara Turriziani sul telescopio Mini-EUSO

  • Non è una provincia per turisti, il Sole 24 Ore spedisce la Ciociaria in fondo alla classifica nazionale

I più letti della settimana

  • Atina, fa un incidente con l'auto delle Poste e si scopre che a bordo c'è anche la madre, denunciata

  • Incidente con il trattore, muore Angelo Patrizi. Oggi i funerali

  • Cassino, rapina a mano armata in pieno centro

  • Paliano, morte di Mario Martini, automobilista serronese indagato per omicidio stradale

  • San Cesareo, presunto caso di malasanità dietro la morte dell'ex sindaco Panzironi. Disposti i funerali

  • Tir a fuoco in A1, code e rallentamenti tra Caianello e San Vittore (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento