ISTAT-Precari, proclamato lo stato di mobilitazione da lunedì 30 settembre

Dal 1° settembre è in vigore il Decreto-Legge n. 101 “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni”. Tale provvedimento, presentato trionfalmente come la soluzione alla piaga del...

Dal 1° settembre è in vigore il Decreto-Legge n. 101 “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni”. Tale provvedimento, presentato trionfalmente come la soluzione alla piaga del precariato nella PA non solo non concretizza l’obiettivo della stabilizzazione del posto di lavoro ma prepara un’espulsione di massa del personale precario.

Molto pesanti appaiono le ricadute del decreto sui lavoratori precari dell’Istat:

- non vengono tenute in considerazione le peculiarità di tale personale, già selezionato attraverso procedure concorsuali pubbliche analoghe a quelle previste per l’ingresso a TI;

- il requisito di tre anni di anzianità a tempo determinato, calcolato alla data di entrata in vigore del DL, esclude oltre il 95% dei precari;

- il blocco del turn-over e le scarsissime cessazioni previste nel prossimo triennio rendono irrisorio il numero dei precari ISTAT potenzialmente stabilizzabili: non più di una ventina.

- nel DL viene esplicitato il divieto di trasformazione del contratto di lavoro a TD in TI, nonostante questa possibilità sia prevista da norme contrattuali contenute nel CCNL degli Enti di Ricerca. L’articolo 5 è così definitivamente seppellito.

Preso atto della gravissima situazione e dell’assenza di qualsiasi prospettiva occupazionale per i precari ISTAT, è stato indetto lo stato di agitazione permanente di tutto il personale precario. La mobilitazione sarà avviata a partire dal 30 settembre con una settimana di assemblee, presidi, iniziative e scioperi che interromperanno le attività ordinarie dell’Istituto.

Per la mattina di lunedì 30 è prevista una conferenza stampa di apertura in cui saranno presentate le ragioni dell'intensa settimana di agitazione.

L'incontro con i giornalisti si terrà nei locali del Contact Center (di fronte all'ingresso principale di via Balbo) che occuperemo subito dopo aver sarà issato sulla facciata principale della sede centrale un enorme striscione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, Amazon apre entro fine anno. Al via le assunzioni, le figure ricercate e le condizioni

  • Pontecorvo, incidente di via Leuciana, perde la vita l'autotrasportatore Tommaso Pulcini

  • È Gaetano Bonanni di Segni il ciclista trovato morto sull’Anticolana

  • Due carabinieri investiti da una macchina che ha forzato il posto di blocco

  • Il Magicland pronto per la nuova stagione ma scompare la parola Valmontone, una sconfitta della classe politica locale

  • Pontecorvo, dopo lo schianto di ieri sera in via Leuciana muore anche Luca Forte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento