Labico, Tulli (CeVL): "Maggioranza costretta a ritirare un punto all'ordine del giorno"

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL CONSIGLIERE NELLO TULLI: “Alfredo Galli è stato costretto alla ritirata strategica stamattina in aula consiliare incalzato dalle mie domande sulle incongruenze degli atti portati in discussione. Incapacità e...



RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL CONSIGLIERE NELLO TULLI: “Alfredo Galli è stato costretto alla ritirata strategica stamattina in aula consiliare incalzato dalle mie domande sulle incongruenze degli atti portati in discussione. Incapacità e impreparazione l’hanno convinto a ritirare il punto all’ordine del giorno sulla società partecipata. – è il sunto soddisfatto di Nello Tulli, consigliere comunale di “Cambiare e Vivere Labico”.

“La discussione sul nuovo contratto di servizio con la società Azienda Speciale Servizi Comuni, partecipata dai comuni di Labico Colleferro Valmontone e Gavignano, è stata rimandata perché nessuno ha saputo rispondere a tre nostre domande: perché se il nostro contratto di servizio, in discussione oggi, prevede spese per 36.000 euro nel bilancio della partecipata ne compaiono 46.000 per il 2013 e 56.000 nel 2014? In base a quali atti è stato redatto il bilancio della partecipata, che deve essere approvato dai Consigli Comunali? Perché ci sono servizi estesi al comune di Labico nel documento di programma dell’ASSC 2013 – 2015 di cui nessuno è a conoscenza e il consiglio non li ha mai votati? Il Sindaco l’Assessore competente e il direttore Filonardi di ASSC non hanno saputo o voluto risponderci e Galli ha preferito riportare indietro la delibera! A questo si aggiunga l’assenza di una relazione tecnica al bilancio, per cui è stata giustamente posta una questione procedurale ”

Con la nostra attenta azione consiliare abbiamo evitato, purtroppo solo per ora, che con i nostri soldi venga foraggiato l’ennesimo carrozzone pensato per fare quelle assunzioni oggi bloccate dalla spending review, assunzioni che, attraverso la partecipata, possono essere molto meno trasparenti e partecipate, come è stato per il tirocinio del 2012, con la gara fatta dal 2 al 10 agosto nel silenzio più totale!”

“A Labico, tra i molteplici problemi legati a tasse e disservizi, un cimitero abbandonato, la biblioteca chiusa, l’emergenza delle scuole, la sicurezza della Casilina, l’attenzione di Galli si concentra sull’assunzione di una o due persone al comune, tanto da convocare in fretta e furia questo consiglio, ma, preso in castagna, ha dovuto fare ammenda e ritirarsi – continua la sua dura analisi Tulli”.

Questo però non basta a noi dell’opposizione. Galli continua con la sua arroganza, non dando la possibilità di discutere le nostre mozioni e le nostre interrogazioni, non da la possibilità di riprendere i lavori dell’aula, intima ai commercianti di non accettare i fogli informativi delle opposizioni: agisce da padrone del paese. Per noi è inaccettabile e in ogni modo cercheremo di contrastarlo!”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Donna occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento