Paliano, la Sistema Compositi al momento è fuori dalla zona di Crisi Complessa e rischia grosso

Quando non si ha lungimiranza politica spesso si pagano le colpe. E’ oggi il caso della Sistema Compositi, che secondo i sindacati non può rientrare nel piano della Crisi Complessa, decretata dalla Provincia di Frosione e ratificata dalla Regione...

Quando non si ha lungimiranza politica spesso si pagano le colpe. E’ oggi il caso della Sistema Compositi, che secondo i sindacati non può rientrare nel piano della Crisi Complessa, decretata dalla Provincia di Frosione e ratificata dalla Regione e dal Ministero dell’Economia per Anagni-Frosinone e Paliano rischia di restarne esclusa.

Infatti, nell’analizzare la questione i sindacati della CISL di Anagni, si sono detti preoccupati del fatto che la Sistema Compositi di Paliano non faccia parte della zona dichiarata di crisi complessa e quindi ci potrebbero essere delle serie ripercussioni occupazionali per la zona industriale di Paliano.

Orbene, che cosa è accaduto, quando Paliano faceva parte del Consorzio ASI, tutto il nord della Ciociaria era praticamente coperto. Non ricordiamo bene se il Sindaco Alveti o il Sindaco Giordani, decisero invece di uscire dall’ASI e di far parte della zona del Sistema Locale di Colleferro.

Oggi i nodi sono venuti al pettine e con la proclamazione di Crisi Complessa del Territorio Anagni-Frosinone sia Paliano che Serrone e Fiuggi e tutto l’estremo nord della ciociaria ne sono rimasti fuori.

Adesso cosa è accaduto, che il Comune di Paliano, pur partecipando, con il suo assessore al ramo Tarquilli a tutte le riunioni del Comitato di Sviluppo Locale, indette dalla Provincia di Frosinone, ha capito l’errore ed ha subito proposto gli atti deliberativi per entrare a far parte della zona dichiarata da Crisi Complessa. “ Noi abbiamo fatto tutti gli atti deliberativi- ci assicura l’assessore Remo Tarquilli – Noi come zona industriale avevamo il nostro distretto e quindi non ci siamo curati, poi abbiamo capito la gravità della situazione e ci siamo mossi dopo aver incontrato il Presidente del Comitato Sviluppo. Purtroppo si siamo accorti tardi che il sistema di sviluppo Locale di Colleferro non ha funzionato, anzi ci ha creato seri danni, e con il vice presidente di Confindustria Gerardo Iamunno, industraile del posto, stiamo cercando di rincorrere l’aria di Crisi Complessa. Comunque le nostre delibere di adesione alla zona Anagni-Frosinone sono state già inviate”.

Una situazione davvero scabrosa, non facile da recuperare, comunque è una pratica che va fatta con solerzia e intelligenza da parte degli amministratori di Paliano, Serrone, Fiuggi e degli altri paesi che molti anni fa avevano aderito al sistema locale di Colleferro.

Giancartlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dettagli del tentato omicidio. Dopo la discussione, lo sparo alla testa mentre era in auto

  • Cassino, gli arriva una cartella da oltre 1000 euro dopo una firma di un corriere

  • Alatri, Giancarlo Straccamore trovato morto nella sua abitazione

  • Raid notturno a casa della fidanzata dell'albanese che ha sparato ad un suo connazionale

  • Omicidio Mollicone, Lavorino alle Iene: "Serena uccisa dal brigadiere Santino Tuzi"

  • Buone notizie per l’ospedale di Frosinone, ostetricia e ginecologia premiati con due bollini rosa

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento