Roma, a Termini  12 persone denunciate a piede libero

Non conosce sosta l’attività dei Carabinieri del Nucleo Scalo Termini per contrastare ogni forma di degrado nell’area della Stazione Termini. Dopo le decine di deferimenti operati nei giorni scorsi, anche nella giornata di ieri i Carabinieri,

Roma, a Termini  12 persone denunciate a piede libero

Non conosce sosta l’attività dei Carabinieri del Nucleo Scalo Termini per contrastare ogni forma di degrado nell’area della Stazione Termini. Dopo le decine di deferimenti operati nei giorni scorsi, anche nella giornata di ieri i Carabinieri, dislocati dalle prime ore del mattino fino alla tarda serata di ieri nei punti della stazione “Termini” hanno denunciato a piede libero altre 12 persone, personaggi che si appostano nei pressi delle biglietterie automatiche della stazione ferroviaria e di quelle della metropolitana per esortare i passeggeri a concedergli qualche spicciolo.

Anche in questo caso si tratta di soli cittadini romeni, uomini e donne di età compresa tra i 19 e i 42 anni, tutti provenienti dal campo nomadi di via della Chimica, ad Aprilia (LT) tranne due che sono domiciliati nel campo nomadi di via Nomentana, a Roma. Tutti i cittadini romeni, inoltre, sono risultati già sottoposti al divieto di ritorno nel Comune di Roma, per cui sono stati denunciati in violazione del provvedimento.

CASALBERTONE – CONTROLLI ANTIDROGA DEI CARABINIERI.SORPRESI IN POSSESSO DI 400 GR. DI COCAINA, 4 PUSHER IN MANETTE.UNA PARTE DELLA DROGA ERA NASCOSTA NEL VANO AIRBAG DI UN’AUTOVETTURA.DURANTE LE PERQUISIZIONI E’ SPUNTATA ANCHE UNA PISTOLA CAL. 38 CON MATRICOLA ABRASA.

Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri della Stazione Roma Casalbertone nel corso di un’attività finalizzata al contrasto dello smercio di sostanze stupefacenti lungo le strade del quartiere. A finire in manette, al termine di una serie di servizi di osservazione e pedinamento, sono stati due cittadini albanesi di 25 e 35 anni e di due italiani di 44 e 53 anni, originari rispettivamente delle province di Tivoli e Cosenza, ma entrambi domiciliati a Roma. I militari, hanno seguito gli spostamenti dei sospettati fino a via Luigi Roux dove i due cittadini albanesi si sono incontrati con il 44enne italiano. In questo frangente i Carabinieri hanno deciso di far scattare il blitz e nel corso dei controlli i tre sono stati trovati in possesso di alcune dosi di cocaina. Le perquisizioni sono state estese alle rispettive abitazioni dove i militari hanno recuperato complessivamente altri 42 gr. di “polvere bianca” e materiale per il suo confezionamento.

La droga e la pistola sequestrata dai Carabinieri (3)In particolare, nella casa del 42enne italiano, i Carabinieri hanno rinvenuto una pistola cal. 38 con matricola abrasa, nascosta in un armadio del garage, e un’utilitaria di proprietà dell’altro complice 53enne. Nel veicolo, occultati nel vano airbag del volante, i Carabinieri hanno trovato 350 gr. di cocaina. Il proprietario dell’auto, rintracciato nella sua abitazione, è stato bloccato e ammanettato: lui, insieme al 42enne, oltre alla detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dovrà rispondere anche di detenzione abusiva di arma e ricettazione.

La pistola è stata inviata ai tecnici della sezione balistica del Racis di Roma per gli opportuni esami di laboratorio che sveleranno, tra l’altro, se possa essere collegata, o meno, a fatti di cronaca avvenuti con l’uso delle armi.

La combriccola di pusher si è riunita nel carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

La droga e la pistola sequestrata dai Carabinieri (2)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, al via le assunzioni a Leroy Merlin. Ecco come fare a candidarsi

  • Cassino, 'piove' un chilo di droga dal controsoffitto del centro commerciale

  • Scopre il marito con l'amante e con l'auto sfonda parte di un'attività commerciale

  • E' morto Tonino Cianfarani, l'assassino di Samanta Fava

  • Scontro tra tir in A1 tra Arezzo e Valdarno, ferito un 39enne di Frosinone

  • Cassinate, la storia di Giovanni Nardelli: da studente di periferia a manager di successo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento