Roma, a Termini 14 persone denunciate a piede libero per inosservanza foglio di via

A Termini  controlli dei carabinieri nell’area del principale scalo ferroviario della capitale.  Rapinatore minorenne aggredisce a colpi di bottiglia l’operatore di un bus turistico per derubarlo denaro e di biglietti.

A Termini controlli dei carabinieri nell’area del principale scalo ferroviario della capitale. Rapinatore minorenne aggredisce a colpi di bottiglia l’operatore di un bus turistico per derubarlo denaro e di biglietti.

Alle biglietterie automatiche: altre 14 persone denunciate a piede libero per inosservanza del foglio di via obbligatorio dal comune di Roma. Proseguono, così, senza sosta i controlli dei Carabinieri nell’area della stazione Termini. I militari, per tutta la giornata di ieri, hanno messo in atto una serie di servizi preventivi, con l’impiego di personale in abiti civili e in divisa, che hanno interessato, oltre piazza dei Cinquecento, ove quotidianamente è impiegata la Stazione Mobile dei Carabinieri, tutto il reticolo di strade che circondano il principale scalo ferroviario della Capitale. Il bilancio è di 1 persona arrestata e altre 14 denunciate a piede libero.

In particolare, i Carabinieri del Nucleo Scalo Termini, in servizio di Stazione Mobile in piazza dei Cinquecento, hanno arrestato un cittadino egiziano di 16 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, con l’accusa di rapina. Il giovane ha aggredito a colpi di bottiglia un operatore open bus turistici, un 30enne cittadino del Bangladesh, in sosta proprio in piazza dei Cinquecento, rapinandolo del borsello contenente 200 euro in contanti e ticket bus per un valore complessivo di 400 euro. Il giovane rapinatore è stato bloccato e arrestato dai militari mentre la vittima, accompagnata presso l’ospedale “San Giovanni Addolorata”, nell’aggressione ha riportato ferite giudicate guaribili in 8 giorni. Il 16enne è stato portato nel Cento di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Altre 14 persone, invece, sono state notate e identificate dai Carabinieri mentre chiedevano con insistenza l’elemosina ai passeggeri in transito all’interno della stazione ferroviaria, nei pressi delle biglietterie automatiche e sulle banchine dei binari. Si tratta di cittadini romeni di età compresa tra i 22 e i 42 anni, tutte donne tranne un uomo, domiciliati a Latina, risultati inottemperanti al foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Roma. Nei loro confronti sono scattate le denunce a piede libero.

ROMA – CARABINIERI CHIUDONO LOCALE “MOLESTO” A DUE PASSI DA VIA VENETO.

Dopo una lunga serie di lamentele raccolte in numerosi esposti depositati dai residenti di una strada a due passi dalla via della “Dolce Vita”, i Carabinieri della Stazione Roma via Vittorio Veneto hanno apposto i sigilli ad un locale notturno gestito da un’associazione culturale, dando esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo disposto dall’Autorità Giudiziaria. Alla base del provvedimento, a seguito del quale il presidente dell’associazione è stato anche denunciato a piede libero con l’accusa di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, ci sono le decine di testimonianze dei “vicini”, i quali lamentavano i rumori molesti e la musica ad alto volume che proveniva dal locale, soprattutto a notte fonda. Tali rimostranze sono state corroborate dalle rilevazioni fonometriche eseguite dai tecnici specializzati dell’A.R.P.A. Lazio che, con strumentazioni ad hoc, hanno più volte registrato emissioni sonore che andavano ben oltre il limite di sopportabilità consentito dalla legge. Anche nella tarda serata di ieri, poco prima di notificare il decreto di sequestro, i Carabinieri e i tecnici dell’A.R.P.A Lazio. hanno eseguito l’ennesima rilevazione che ha restituito, ancora una volta, valori oltre il consentito.

ROMA – PASSEGGIATA NOTTURNA CON OLTRE 2 KG DI MARIJUANA NELLO ZAINO.ARRESTATO DAI CARABINIERI.

La scorsa notte, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Frascati hanno arrestato un cittadino nigeriano di 32 anni, nella Capitale senza fissa dimora e già conosciuto alle forze dell’ordine, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il ragazzo stava passeggiando lungo la via Cailina, in zona Finocchio, quando ha incrociato sul suo cammino la pattuglia dei Carabinieri. Alla vista degli uomini dell’Arma, il suo passo si è fatto più veloce, destando più di qualche sospetto. I militari, a quel punto, hanno deciso di fermarlo per un controllo scoprendo che nello zaino che aveva sulle spalle, il 32enne aveva riposto 2 Kg e 230 grammi di marijuana oltre a una bustina contenente 55 euro, sequestrati poiché ritenuti provento della sua illecita attività. Anche la droga è stata sequestrata, in attesa del nulla osta da parte del Tribunale per procedere alla sua distruzione. Il pusher è stato portato in caserma in attesa di essere ascoltato dall’Autorità Giudiziaria nel corso del rito direttissimo a cui verrà sottoposto

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

  • Alatri, Francesco Scarsella accusato di omicidio stradale sconterà la pena ai domiciliari

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento