Roma, ad Ostia rubano una nave da diporto. Inseguiti ed arrestati in mare dai Carabinieri

Nell’ambito del potenziamento dei servizi estivi predisposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma in particolare nelle località marine mèta di turismo, il servizio Navale dei Carabinieri di Ostia, ha intensificato i controlli sul...

Nell’ambito del potenziamento dei servizi estivi predisposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma in particolare nelle località marine mèta di turismo, il servizio Navale dei Carabinieri di Ostia,

ha intensificato i controlli sul litorale e sul mare lidense, sventando nella scorsa notte il furto di una lussuosa barca da diporto di 27 metri e arrestando 4 persone.

Durante un ordinario servizio notturno di pattugliamento in mare, la motovedetta “Chionna” dei Carabinieri ha intercettato, a circa 1 miglio a largo di Ostia, una grossa imbarcazione da diporto che procedeva senza aver attivato le previste luci di navigazione. I Carabinieri hanno intimato l’alt all’imbarcazione che, tuttavia, ha tentato la fuga operando anche alcune pericolose manovre evasive.

Dopo un prolungato inseguimento, i militari dell’Arma sono riusciti a raggiungere ed affiancare la nave, costringendola ad arrestare la propria navigazione. I quattro uomini a bordo, due italiani e due croati di età comprese tra 24 e 49 anni, hanno vanamente tentato di proseguire la fuga con il tender in dotazione all’imbarcazione, ma hanno dovuto subito desistere.

Dai primissimi accertamenti è emerso che la nave, di proprietà di una società di leasing toscana, era stata appena rubata da un cantiere di Fiumicino.

A bordo sono stati rinvenuti e sequestrati arnesi da scasso, carte nautiche e strumenti topografici, documenti falsificati e serigrafie utili alla sua contraffazione: con ogni probabilità l’imbarcazione era destinata ad un paese del Mediterraneo, ove sarebbe stata reimmatricolata, presumibilmente con bandiera inglese.

RUBANO UN’AUTO POI PASSANO DAVANTI ALLA PROPRIETARIA ARRESTATI DAI CARABINIERI

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato, questa mattina, due cittadini polacchi, di 29 e 31 anni, già noti alle forze dell’ordine, con l’accusa di furto aggravato. I due sono stati notati in viale Trastevere dalla proprietaria di un’auto che avevano appena rubato.

La donna, una romana di 53 anni, li ha visti transitare e ha dato subito l’allarme a una pattuglia dei Carabinieri che passava. I militari sono riusciti ad intercettare l’auto rubata con i due uomini a bordo e dopo un breve inseguimento li hanno bloccati ed arrestati. I due ladri sono stati portati in caserma e trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo mentre, l’auto è stata restituita alla donna.

SENZA PATENTE NON SI FERMANO ALL’ALT. 3 STRANIERI ARRESTATI DAI CARABINIERI DOPO UN INSEGUIMENTO.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un ecuadoriano di 32 anni, un connazionale di 45 anni e un peruviano 46enne che, a bordo di una Renault Megane, non si sono fermati all’alt dei militari. L’episodio è accaduto la scorsa notte al lungotevere Flaminio, dove i Carabinieri hanno notato l’autovettura, con targa bulgara, e gli hanno intimato di fermarsi. L’auto con i tre stranieri a bordo non si è fermata e ne è nato così un inseguimento durante il quale il 45enne, conducente con patente revocata nel 2008, ha effettuato spericolate manovre tentando più volte di speronare l’auto dei militari. Giunti in via Cile, nei pressi del lungotevere dell’Acqua Acetosa, i tre sono stati costretti a fermarsi. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma li hanno quindi arrestati nonostante abbiano anche tentato di opporre resistenza.

Tutti dovranno rispondere di resistenza a Pubblico Ufficiale mentre solo l’autista è stato anche denunciato per guida con patente revocata. L’autovettura è stata sequestrata e gli arrestati saranno processati con il rito per direttissima.

CASALOTTI – CARABINIERI ARRESTANO 73 ENNE CHE ANDAVA IN GIRO ARMATO PER DIFENDERSI DALLE LITI STRADALI IN CUI SI IMBATTEVA.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri della Stazione Roma Casalotti hanno arrestato un pensionato 73enne, incensurato, per aver minacciato con una pistola un 45enne per motivi di viabilità. L’episodio è accaduto a via Boccea, in zona Casalotti, dove il pensionato si trovava nel traffico a bordo della sua autovettura. A causa di un problema di precedenza avuto l’altro conducente, il 73enne ha estratto la sua pistola calibro 6,35 carica con tre cartucce, regolarmente detenuta, e lo ha minacciato. Fortunatamente la lite non ha avuto seguito perché il 45enne è andato via terrorizzato ed ha chiamato subito il 112. I Carabinieri sono subito intervenuti ed hanno rintracciato e arrestato il pensionato. Con i Carabinieri si è giustificato dicendo che andava in giro con la pistola, denunciata per la detenzione a casa ma che non era autorizzato a portare con se, proprio per difendersi da liti per viabilità a cui andava spesso incontro perché anziano e lento nell'andatura e nei riflessi. La pistola è stata sequestrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Coronavirus, bollettino 27 maggio: risultato positivo un medico della provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento