Roma, in poche ore i carabinieri arrestano 5 borseggiatori a caccia di turisti

Continua l’attività antiborseggio dei Carabinieri del Gruppo di Roma, attuata principalmente nelle zone turistiche della Capitale. Altri 5 borseggiatori sono stati arrestati nei pressi di fermate metropolitane o a bordo di autobus.

Continua l’attività antiborseggio dei Carabinieri del Gruppo di Roma, attuata principalmente nelle zone turistiche della Capitale. Altri 5 borseggiatori sono stati arrestati nei pressi di fermate metropolitane o a bordo di autobus. Un 20enne del sud America, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai Carabinieri nei pressi della Stazione Termini, perché poco prima in Via Giolitti aveva asportato il portafogli ad una turista coreana. Poco dopo in via del Tritone è stato il turno di una 17enne, romena, di etnia rom, domiciliata a Marina di Tor San Lorenzo, che è stata “pizzicata” mentre, assieme ad altre due minori non imputabili, stava asportando il portafogli ad una turista 50enne, degli Stati Uniti. Infine a bordo del bus 40, all’altezza della fermata di Largo Aracoeli, i Carabinieri hanno arrestato altri 3 cittadini romeni, di 32, 45 e 55 anni, tutti senza fissa dimora e già noti alle forze dell’ordine, per aver borseggiato una turista panamense. In tutti i casi i militari sono riusciti a recuperare la refurtiva che è stata poi riconsegnata alla vittime mentre, gli arrestati, tranne la 17enne che è stata portata presso il centro di prima accoglienza di Roma Virginia Agnelli, sono stati accompagnati in caserma e trattenuti in attesa di essere processati con il rito direttissimo, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

TOR BELLA MONACA – PUSHER 47ENNE ARRESTATO DAI CARABINIERI.

SEQUESTRATO MEZZO CHILO DI MARIJUANA.

I Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca con l’ausilio della C.I.O. del 4° Battaglione “Veneto”, impegnati in attività di controllo e di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti lungo le principali arterie del quartiere periferico della capitale hanno arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un cittadino nigeriano di 47 anni, nullafacente, già conosciuto alle forze dell’ordine. Nel corso di un mirato controllo i militari hanno sorpreso lo straniero con addosso alcune dosi di droga. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso ai militari di rinvenire ben occultati mezzo chilo di marijuana, suddivisa in 5 panetti. La droga è stata sequestrata mentre il pusher è stato trattenuto in caserma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo.

COLLATINA - SI APPARTA CON UN TRANSESSUALE E TENTA DI RAPINARLO CON LA PISTOLA DI “007”. ACCERCHIATO DAI “COLLEGHI” DELLA VITTIMA SCAPPA, MA VIENE RINTRACCIATO E ARRESTATO DAI CARABINIERI.

Ha avvicinato un transessuale brasiliano di 36 anni in via Longoni e, dopo essersi appartato con lui, ha estratto una pistola “Walter PPK” calibro 9, tentando di rapinarlo. E’ accaduto la scorsa notte: il malvivente, un ragazzo romano di 22 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, ha dovuto battere in ritirata visto che le urla della vittima hanno attirato l’attenzione di altri transessuali presenti nella zona che sono accorsi in aiuto del “collega”. Ne è nata una colluttazione durante la quale i viados sono riusciti a disarmare il rapinatore: il giovane, vista la situazione, è scappato a piedi lasciando la sua autovettura parcheggiata in strada. La vittima ha immediatamente attivato il “112” e le autoradio dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno setacciato tutta la zona riuscendo, in breve tempo, a rintracciare il 22enne. I militari hanno sequestrato la pistola utilizzata nel tentativo di rapina: l’arma, dello stesso modello reso celebre dai film dell’agente “007” James Bond, aveva matricola e culatta abrase, “cane” armato ma con caricatore inserito e vuoto. La “Walter PPK” sarà inviata al più presto al laboratorio della sezione balistica del R.I.S. di Roma per verificare se possa essere collegata a passati o recenti fatti di cronaca. Il rapinatore è stato portato nel carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

TIVOLI, RAFFICA DI FURTI SULLE AUTO IN SOSTA. IN POCHE ORE I CARABINIERI ARRESTANO SEI TOPI D’AUTO.

In poche ore tra ieri sera e questa notte i Carabinieri di Roma sono intervenuti in 3 diversi episodi, di furti e tentati furti, ad opera di 4 cittadini stranieri e due romani, su autovetture parcheggiate sulle strade della Capitale. Nel tardo pomeriggio di ieri, in via degli Annibaldi, i Carabinieri della Stazione Roma Eur hanno arrestato per furto aggravato in concorso, due nomadi, di 41 e 28 anni, entrambi domiciliati al campo nomadi di Castel Romano, disoccupati e già noti alle forze dell’ordine, sorpresi a rubare delle valigie custodite in un auto di alcuni turisti stranieri. I due infatti, dopo aver infranto il lunotto posteriore del mezzo, hanno fatto razzia al suo interno ma, notati dai Carabinieri, hanno tentato subito la fuga a piedi per le vie circostanti, ma sono stati raggiunti e bloccati.

In via Cavour, poco prima della mezzanotte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un romano, di 32 anni residente ad Anzio, sorpreso mentre stavano rovistando all’interno di un auto posteggiata sulla strada, nell’intento di asportare vari oggetti custoditi. L’uomo alla vista dei militari, allertati da una telefonata giunta al pronto intervento 112, si è dato alla fuga ma è stato subito raggiunto ed arrestato. Nella notte in via Monte Gran Paradiso, a Guidonia Montecelio, i Carabinieri della Compagnia di Tivoli hanno sorpreso tre cittadini romeni, 20enni, mentre stavano tentando di asportare una Golf. I tre stavano cercando di manomettere il blocco di accensione dell’auto quando sono stati bloccati dai militari a cui hanno posto resistenza con calci e spinte nel vano tentativo di darsi alla fuga. I sei arrestati sono stati accompagnati nelle rispettive compagnie competenti per territorio e trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. La refurtiva recuperata dai militari è stata riconsegnata ai legittimi proprietari mentre, gli arnesi da scasso rinvenuti sono stati sequestrati.

STAZIONE TERMINI – RUBANO LA VALIGIA A TURISTA MENTRE FA IL BIGLIETTO. CARABINIERI ARRESTANO DUE CITTADINI DEL MAROCCO.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso di predisposti servizi di controllo finalizzati al contrasto dei reati predatori in danno dei turisti, i Carabinieri del Nucleo Scalo Termini hanno arrestato due cittadini del Marocco, senza fissa dimora, di 29 e 40 anni, già noti alle forze dell’ordine, con l’accusa di furto aggravato in concorso. I due ieri sera sono stati sorpresi dai militari mentre stavano rubando la valigia, ad un turista americano, che stava facendo la fila alla biglietteria dello scalo ferroviario. Grazie all’intervento dei militari la coppia di ladri è stato bloccata, nonostante abbiano tentato in vano di darsi alla fuga. La valigia è stata riconsegnata al turista mentre i due sono stati ammanettati e portati in caserma dove si trovano in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

  • La Dea bendata bacia di nuovo la Ciociaria. Vinti 200 mila euro con un gratta e vinci

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento