Roma, in Via Ienner  sorpresi due cittadini bulgari mentre tentano di installare skimmer e telecamera su un postamat arrestati

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, ieri sera, hanno arrestato due cittadini bulgari di 27 e 44 anni, entrambi vecchie conoscenze delle forze dell’ordine, con l’accusa di truffa in concorso.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, ieri sera, hanno arrestato due cittadini bulgari di 27 e 44 anni, entrambi vecchie conoscenze delle forze dell’ordine, con l’accusa di truffa in concorso. I due stranieri, in via Jenner, sono stati notati da un pattuglia dei militari dell’Arma mentre installavano su di un postamat una videocamera ed uno skimmer, in modo da poter carpire i codici delle varie carte di credito dei clienti che si sarebbero recati allo sportello per effettuare i prelievi. Immediatamente bloccati i due clonatori sono stati arrestati. All’interno della loro auto, lasciata in sosta poco lontano, i Carabinieri hanno rinvenuto un pc portatile e 5 carte di credito di dubbia provenienza, tutto sequestrato. Dopo l’arresto i due malfattori sono stati associati al carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

GEMELLI - RUBA DA UN DISTRIBUTORE DI BEVANDE, SCOPERTO DA PERSONALE INTERNO E ARRESTATO DAI CARABINIERI.

I Carabinieri della Stazione Roma Monte Mario hanno arrestato una 26enne, cittadino romeno, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di rapina impropria. L’uomo, ieri mattina, insieme ad un complice in corso di identificazione, si è introdotto all’interno dell’ospedale “Agostino Gemelli”, e una volta al terzo piano della struttura ha forzato il distributore di bevande rubando i 300 euro contenuti all’interno. Sfortunatamente per lui è stato scoperto dalla sicurezza interna dell’ospedale che ha allertato il 112. I Carabinieri intervenuti lo hanno arrestato e accompagnato in caserma, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. Recuperata dai militari anche la refurtiva che è stata riconsegnata al gestore del servizio. Proseguono le indagini dei Carabinieri per identificare e rintracciare il complice del 26enne che è riuscito a dileguarsi.

MAGLIANA – PREDONI DI ORO ROSSO NELL’EX CENTRO DIREZIONALE ALITALIA. ARRESTATE 4 PERSONE, 2 SONO MINORENNI.

Ancora un raid da parte dei predoni di oro rosso è stato scoperto dai Carabinieri nell’ex Centro Direzionale Alitalia di via Alessandro Marchetti, alla Magliana. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma e della Compagnia Roma Eur sono intervenuti a seguito di una segnalazione giunta al pronto intervento 112. Nel corso dell’intervento i militari hanno arrestato 4 romeni, di 18, 19 anni e due 14enni, tutti domiciliati al campo nomadi di via Candoni, già conosciuti alle forze dell’ordine. I militari hanno bloccato i 4 giovani che, dopo aver forzato il cancello di ingresso del complesso immobiliare, mediante l’utilizzo di attrezzi da scasso, erano penetrati per fare razzia di cavi di rame ma sono stati subito ammanettati. Gli arnesi da scasso utilizzati dai predoni per rubare i cavi di rame, sono stati sequestrati. I due arrestati maggiorenni sono stati accompagnati in caserma e trattenuti in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo mentre i due minorenni sono stati accompagnati presso il centro di prima accoglienza di via Virginia Agnelli.

TERMINI – BANDA DI BORSEGGIATORI ARRESTATA DAI CARABINIERI.AVEVANO ADOCCHIATO LA LORO PREDA A BORDO DEL “64”.

Una banda di tre cittadini romeni, con a capo un 40enne, è stata arrestata dai Carabinieri del Nucleo Scalo Termini per aver rubato un cellulare ad una signora polacca di 63 anni. L’episodio è iniziato a bordo del famigerato autobus “64” mentre percorreva via Nazionale in direzione dello scalo ferroviario. Due Carabinieri in borghese erano a bordo del mezzo pubblico durante un servizio antiborseggio, hanno notato i tre, che ai militari erano già “noti”, e li hanno seguiti convinti che prima o poi avrebbero messo a segno un colpo. Infatti, quando l’autobus è giunto al capolinea, nella calca di persone che si era creata alla discesa, la banda, di cui facevano parte anche un 18enne e un 24enne, ha circondato la vittima riuscendo a sfilarle il cellulare. Immediatamente i Carabinieri hanno bloccato i tre romeni che sono stati ammanettati ed accompagnati in caserma in attesa del rito direttissimo, dove dovranno rispondere del reato di furto aggravato. La refurtiva è stata restituita alla vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dettagli del tentato omicidio. Dopo la discussione, lo sparo alla testa mentre era in auto

  • Piedimonte, in carcere per anni da innocente ottiene il risarcimento dei danni

  • Pensava di essere povero, invece era titolare di ben nove ditte di trasporti, disabile raggirato

  • Cassino, gli arriva una cartella da oltre 1000 euro dopo una firma di un corriere

  • Morolo, scontro tra auto e bus, Ivan De Santis di 27 anni non ce l'ha fatta

  • Omicidio Mollicone, Lavorino alle Iene: "Serena uccisa dal brigadiere Santino Tuzi"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento