Segni, la città ricorda Maria Manciocco con una sentita fiaccolata ad un anno dall'omicidio

La città di Segni ad un anno esatto dall’efferrato delitto della Signora Maria Manciocco, uccisa a martellate dal marito Eraldo Marchetti, entrambe del posto, ha ricordato la sfortunata mamma con una fiaccolata a cui hanno partecipato oltre 500...

Segni Io Sono Maria 7

La città di Segni ad un anno esatto dall’efferrato delitto della Signora Maria Manciocco, uccisa a martellate dal marito Eraldo Marchetti, entrambe del posto, ha ricordato la sfortunata mamma con una fiaccolata a cui hanno partecipato oltre 500 persone.

Io sono Maria” questa la scritta vicina ad un fiocco rosso, il simbolo delle donne attaccato ad un vestito della signora, che ha aperto il corteo che si è snodato dalla casa di Maria per tutta la città situata sui monti Lepini. Al ricordo ha partecipato il Sindaco di Segni Maria Assunta Boccardelli accompagnata da tutta la sua giunta. Il Sindaco di Gorga, Ing. Nadia Cipriani, il paese dove Maria Manciocco insegnava e soprattutto tanta gente di Segni che non ha dimenticato la grande tragedia , che ha scosso non solo la comunità segnina, ma tutto il comprensorio, anche perché il marito era un Maresciallo dell’Aeronautica in servizio presso l’aeroporto Moscardini di Frosinone.

L’efferato delitto avvenne il 16 Marzo dell’anno scorso nella sua abitazione, dopo che l’uomo separato, dalla moglie aveva passato la notte a casa dalla madre, poco prima delle 8 era rientrato in casa con una scusa e senza farsi accorgere prese un martello che stava vicino all’atrio- giardino di casa e colpi la moglie con una violenta martellata alla testa facendola subito cadere a terra, mentre i due figli erano al piano di sopra. L'uomo poi andò a costituirsi al Commissariato di Polizia di Colleferro dove confessò l'omicidio della moglie. Oggi, l'uomo è accusato di omicidio volontario, dopo che gli uomini del Commissariato Colleferrino hanno fatto minuziosi sopralluoghi e interrogato vicini e parenti per avere un quadro completo della situazione. I piccoli figli non possono testimoniare ma le loro indicazioni sono servite comunque ha ricostruire gli ultimi istanti di vita della povera donna. Ora tutti si attendono un giusto processo, ma nessuno potrà far rinascere una donna risoluta e ben voluta da quanti l’hanno conosciuta.

Il Sindaco di Segni Boccardelli, nel discorso finale ha ricordato la collega insegnante, ma soprattutto la mamma, una donna uccisa ingiustamente, una donna tutta di un pezzo, che non aveva mai fatto parlare. Una donna che svolgeva il ruolo di educatrice nella scuola materna di Gorga, dove ogni mattina era attesa con entusiasmo dai bambini che si erano affezionati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Cassinate, esplode una bomba da guerra in un campo dove bruciavano sterpaglie

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento