Scontro frontale, tre morti sulla Cassino-Formia (Foto)

Le vittime del drammatico incidente, avvenuto nei pressi di Castelnuovo Parano, poco dopo la mezzanotte, sono di San Giorgio a Liri e viaggiavano su una Golf. Feriti gravemente Mariangela Renzi e Massimiliano Verona di Cervaro

La scena dell'incidente

Tre uomini, tutti residenti a San Giorgio a Liri, sono deceduti in un gravissimo incidente stradale avvenuto poco dopo la mezzanotte lungo la Cassino-Formia in territorio di Castelnuovo Parano. A scontrarsi frontalmente sono state una Bmw X3 ed una Golf. Le vittime erano a bordo della Golf.

Una dinamica da ricostruire

A perdere la vita sono stati Gianluca Domenicone di ventuno anni e Franco Nardone di 44 anni di San Giorgio. Morto anche Antonio D'Alterio, 30 anni residente a San Giorgio ma nativo di Villaricca in provincia di Napoli, padre di due bambini. Nello schianto è rimasto coinvolto un suv BMW con a bordo un uomo e una donna di Cervaro rimasti gravamente feriti. Mariangela Renzi e Massimiliano Verona, dapprima trasportati al 'Santa Scolastica' di Cassino sono poi stati trasferiti al policlinico 'Umberto Primo' di Roma in coma. La strada è stata chiusa al traffico e sul posto stanno lavorando i Vigili del Fuoco del distaccamento di Cassino, diverse ambulanze dell'Ares 118 ed i carabinieri della Compagnia di Pontecorvo che stanno lavorando per ricostruire l'esatta dinamica del violentissimo scontro frontale.

La cena in comitiva e poi la morte

Le vittime avevano cenato insieme ad un gruppo di amici nel ristorante Il Passeggero. Avevano poi deciso di fare una passeggiata a Formia. Lungo la via il drammatico frontale avvenuto sotto gli occhi degli altri conoscenti che viaggiavano su vetture separate. Mariangela Renzi e Massimiliano Verona, lei molto conosciuta a Cassino per aver gestito per anni il negozio 'Pensiero volante' e lui stimato dipendente del gruppo Eco Liri, stavano facendo ritorno a casa. L'impatto è stato talmente tanto violento che i corpi delle tre vittime sono stati resi irriconoscibili e per questo il magistrato Roberto Bulgarini Nomi ha disposto il riconoscimento delle stesse attraverso l'esame del DNA.

seguono aggiornamenti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Alatri, tragedia a Tecchiena: scoppia bombola di gas e muore un anziano. Identificata la vittima

  • Sesso in strada durante la quarantena, ragazza ciociara beccata e denunciata

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Coronavirus, muore dopo essere guarito dal Covid-19

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento