Segni, Zona Rurale: Via della Mola vera e propria discarica abusiva.

La questione dei rifiuti, a Segni, è un problema sempre attuale che gli amministratori non sembrano in grado di risolvere con una programmazione lungimirante ed efficace.

received_10213964506331012

La questione dei rifiuti, a Segni, è un problema sempre attuale che gli amministratori non sembrano in grado di risolvere con una programmazione lungimirante ed efficace.

Qualche settimana fa si denunciava, su questa testata, lo stato di degrado di Via Carpinetana oltreché la più generale condizione di abbandono in cui versa tutta la zona rurale di Segni.

Il limite però si è raggiunto in via della Mola, nella prossimità del ponte dell’alta velocità. Qui la situazione è gravissima e, ormai, una vera e propria discarica abusiva è sorta in quella zona.

Diversi cittadini ci hanno scritto per segnalare il problema, esasperati dal degrado in cui versa il territorio e preoccupati per la possibilità di sviluppo di incendi e di altre gravi conseguenze per l’ambiente, la sicurezza e la salute pubblica.

A questo punto però ci si interroga su quali azioni il comune di Segni intenda mettere in campo per risolvere in maniera definitiva l’annosa questione. Il problema non può più essere sottovalutato e merita di essere affrontato in maniera seria e strutturata.

Purtroppo però l’amministrazione segnina continua ad campicchiare alla giornata non affrontando questioni importanti e delicate come quella del degrado della zona rurale, causato dall’abbandono selvaggio dei rifiuti. Alessandro Verrelli

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Incidente sul lavoro, falegname si amputa tre dita di una mano, è grave

  • Alatri, l'ultimo e straziante saluto a Marco Cialone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento