La Forestale sequestra gli impianti di una nota azienda produttiva per violazioni ambientali

I controlli del N.I.P.A.A.F., unitamente a tecnici Arpa Lazio e personale ASL, hanno accertato che gli impianti della società erano privi di regolare autorizzazione alle emissioni in atmosfera

Nelle ore scorse il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone ha eseguito un decreto di sequestro degli impianti produttivi di una nota società sita nel cassinate emesso da Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Cassino, che ha accolto le richieste della competente Procura della Repubblica in relazione a violazioni del Codice dell’Ambiente. In particolare i controlli del N.I.P.A.A.F., unitamente a tecnici Arpa Lazio  e personale ASL, hanno accertato che gli impianti della società erano privi di regolare autorizzazione alle emissioni in atmosfera.

Punti di emissione sprovvisti di piattaforma di lavoro e di sezione di campionamento

Non solo ma è stato verificato che alcuni punti di emissione erano addirittura sprovvisti sia di piattaforma di lavoro che di sezione di campionamento, con la conseguente impossibilità di regolare effettuazione delle misurazioni degli inquinanti. Nonostante ciò i tecnici di laboratorio, incaricati dalla società di effettuare le misurazioni degli inquinanti, attestavano il rispetto dei limiti emissivi alle prescrizioni autorizzative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assenza di autorizzazione agli scarici delle acque meteoriche

Inoltre veniva riscontrato che l’attività produttiva veniva esercitata altresì in assenza di autorizzazione agli scarichi delle acque meteoriche e di dilavamento piazzali. Per tali motivi sono stati denunciati all’A.G. l’amministratrice della società, per aver esercitato l’attività produttiva in assenza di regolare autorizzazione alle emissioni e autorizzazione agli scarichi di acque meteoriche, nonché i tecnici di laboratorio in quanto attestavano il rispetto dei limiti emissivi dell’autorizzazione. Il sequestro è stato emesso consentendo alla società di poter continuare la produzione, ma con l’obbligo di adeguarsi alla normativa ambientale violata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da Frosinone 700 mila mascherine riutilizzabili fino a 50 volte

  • Coronavirus, bollettino 25 marzo: morto, purtroppo, il 62enne frusinate Gaetano Corvo, docente in pensione

  • Alatri, tragedia a Tecchiena: scoppia bombola di gas e muore un anziano. Identificata la vittima

  • Perde il controllo del grosso tir e si intraversa su via Palianese (foto e video)

  • Coronavirus, scoppia il caso Città Bianca: ben 16 positivi nella Casa di Cura di Veroli

  • Coronavirus, boom di decessi in provincia di Frosinone tra gli ormai 315 casi positivi

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento