Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

Il fatto si è verificato nei giorni scorsi sui banchi del mercato rionale di Genzano. Elevate multe salatissime per ogni commerciante che è stato trovato non in regola con la tracciabilità della merce

Tre quintali di merce sequestrata tra cane, pesce e salumi. E' accaduto nei giorni scorsi al mercato di Genzano dove una famiglia di ambulanti di Ferentino quando ha appreso del seguestro e della multa comminata dagli agenti della polizia locale si è scagliata contro i vigili e gli ispettori dell'Asl. A causa di tale episodio è stato richiesto anche l'intervento dei carabinieri.

Numerose le multe elevate 

Mille euro di multa per ogni commerciante che è stato trovato non in regola con le normative vigenti. A cominciare dalla mancata tracciabilità del prodotto alimentare. Per non parlare della genuinità del prodotto. Qualcuno aveva esposto sui banchi del mercato, mozzarelle, pesce essiccato e cibo di altro cibo in bacinelle ricolme di acqua con gli insetti che facevano da "cornice" a quello scenario. 

L'aggressione

Gli ambulanti di Ferentino non hanno preso bene per niente quel sequestro. Anzi l'intera famiglia composta dal padre di 60anni e due figli di 35 e 25 anni hanno iniziato ad inveire cotnro i vigili urbani ed a gettare a terra tutto il cibo sequestrato. Adesso si sta valutando se far scattare o meno la denuncia nei confronti degli abulanti ferentinati per oltraggio a pubblico ufficiale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Fuori in permesso, non fa ritorno al carcere di Frosinone. Ricercato un pericoloso detenuto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento