Sora, morte sospetta: riesumata la salma di un ricco pensionato

L'uomo avrebbe lasciato la sua eredità ad una persona molto nota in città ed ora indagata. I familiari ipotizzano che il testamento sia falso e che la morte, avvenuta a maggio, sia arrivata non per cause naturali. Le verifiche di Polizia e Procura

La salma di un pensionato residente a Sora è stata riesumata su disposizione della Procura di Cassino. I carabinieri del Ris unitamente agli investigatori del commissariato cittadino ed ai colleghi della Squadra Mobile di Frosinone hanno eseguito la riapertura della bara contenente i resti di uomo che potrebbe essere deceduto non per malattia ma per altre cause. Solo sospetti che dovranno trovare conferma proprio con gli accertamenti medico-legali. 

La vicenda

A presentare denuncia presso la Questura di Frosinone sono stati i parenti di un anziano facoltoso che è morto 4 mesi fa lasciando i propri averi ad una persona molto nota a Sora e che adesso risulta essere indagata. I congiunti dell'anziano, infatti, nel loro esposto ipotizzano la falsificazione del testamento e soprattutto che la morte del loro caro non sia arrivata per cause naturali ma che possa essere stata provocata.

Le indagini

Alla luce della gravità della denuncia il magistrato Roberto Bulgarini Nomi, per fugare ogni sospetto e stabilire con chiarezza le cause del decesso, ha disposto la riesumazione del corpo dell'anziano. Per questo motivo ieri il cimitero di Sora è stato interdetto al pubblico per alcune ore. Per poter comprendere l'evolversi di questa vicenda bisognerà quindi attendere l'esito dell'autopsia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento