Trovato il corpo di Armando Capirchio, fatto a pezzi e gettato in un dirupo (foto esclusiva)

I resti dello sfortunato allevatore di Vallecorsa rinvenuti in una località impervia in territorio di Lenola in provincia di Latina. Sul posto i carabinieri del comando provinciale di Frosinone e gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico

Fatto a pezzi e nascosto in due buste gettate in un dirupo (nella foto, cerchiata in rosso, una delle buste rinvenute). I resti di Armando Capirchio, l'allevatore di Vallecorsa scomparso lo scorso mese di ottobre, sono stati rinvenuti questi mattina in una località impervia nel comune di Lenola in provincia di Latina. A trovare il corpo dello sfortunato cinquantaseienne sono stati i carabinieri del comando provinciale di Frosinone, coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo e gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico. A dare il nulla osta alle ricerche sono stati i magistrati della Procura che stanno seguendo la vicenda, il procuratore capo Giuseppe De Falco e il sostituto procuratore Vittorio Misiti. Le condizioni del corpo sarebbero fortemente comprosse. Sul luogo del ritrovamento, in località Ambrifi, stanno arrivando i carabinieri del Reparto Investigazioni Scientifiche di Roma ed un elicottero dei Carabinieri Forestali.

L'arresto di Cialei

Per la morte di Armando Capirchio da qualche mese è in carcere un conoscente, Michele Cialei accusato di omicidio volontario ed occultamento di cadavere. Il figlio del presunto assassino, di soli 20 anni, è stato iscritto sul registro degli indagati perchè sospettato di aver aiutato il genitore a far sparire il corpo di Capirchio. Ma non è da escludere che Michele Cialei possa aver avuto anche un altro complice che lo avrebbe aiutato a smembrare il corpo ed ad occultarlo in una zona impervia dei monti Aurunci, in territorio pontino. Da alcune indiscrezioni trapelate sembrerebbe che ad essere sospettato sia anche un altro stretto parente dell'arrestato. Nei giorni scorsi i carabinieri avevano proceduto alla perquisizione di un'abitazione di proprietà di un uomo. Nel corso delle verifiche sono stati portati via degli indumenti ed alcuni attrezzi da lavoro. Michele Cialei non ha mai confessato di aver ucciso il suo presunto rivale lavorativo. Nel corso dell'interrogatorio do garanzia, difeso dagli avvocati Camillo Irace e Giampiero Vellucci, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

La conferenza stampa

Maggiori dettagli in merito al ritrovamento del corpo e su altre eventuali dinamiche investigative è stata indetta, per domani mattina alle 11, una conferenza stampa presso il comando provinciale dei Carabinieri di Frosinone. La salma dell'allevatore è stata trasferita presso l'obitorio di Frosinone.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...


Il video con le immagini del luogo del ritrovamento al link: frosinonetoday

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento