Valmontone, la città della musica fa scoppiare l'amore all'interno del PD

Doveva essere un consiglio comunale tranquillo, c'è mancato poco che diventasse una commedia romantica con tanto di lieto fine. Sarà forse stata la presenza in aula dei ragazzi della scuola Albafor al terzo anno accompagnati dalle

Doveva essere un consiglio comunale tranquillo, c'è mancato poco che diventasse una commedia romantica con tanto di lieto fine. Sarà forse stata la presenza in aula dei ragazzi della scuola Albafor al terzo anno accompagnati dalle

professoressa Lolita Spaccino e da Sara Angelucci ma sta di fatto che oggi in consiglio si è respirata un' aria molto più serena del solito.

Dopo una serie di rinvii alquanto incomprensibili si è arrivati all'atteso punto sull'applicazione del progetto sull'oramai famosa Città della Musica al quale era giunta un'osservazione da parte di tre cittadini di Valmontone vicini ad una parte importante della maggioranza stessa facente riferimento al vice sindaco Mattia che in questo progetto hanno sempre visto una costruzione di altri centri commerciali ed una ulteriore cementificazione sulla zona che va verso il parco giochi.

Prima della pausa ecco il colpo di scena con il capogruppo di Per Valmontone Piero Attiani che annuncia la volontà del suo gruppo (Attiani, De Stefano e Petrucci) di essere vicino alla maggioranza in quanto sostenitrice di punti come questo del loro programma. Infatti un progetto fu presentato dall’ allora sindaco nel 2005-6 Miele con Attiani assessore e potrebbe portare occupazione anche se poi ha subito diversi cambiamenti.

Questa dichiarazione in primis ha fatto felice il vicesindaco Eleonora Mattia che ha accolto con piacere il fatto che un altro componente del Pd come Piero Attiani abbia fatto questo passo verso l'attuale amministrazione ed ovviamente il Sindaco che ha parlato di maggioranza allargata a 14 unità per un governo duraturo nel tempo.

Il punto è stato approvato con 14 voti a favore e con il solo voto di Antonio Matrigiani contrario che aveva chiesto un rinvio.

“Ora il tutto viene inviato alla Regione – ha spiegato il sindaco Latini a chiusura dell’intervento - che ha 90 giorni di tempo per approvarla e cercherò di far apportare alcune cose importanti presenti anche nelle osservazioni che abbiamo respinto con l'approvazione dell'emendamento. Da questa opera entreranno quasi 3 milioni e mezzo di euro e non ci sarà lo sconvolgimento di via della Pace”.

Da sottolineare ancora una volta che nonostante le nostre richieste sia al Presidente del Consiglio che al Sindaco Latini (insieme agli altri colleghi della stampa presenti in aula) si preferisce fare comunicati un po' su tutto tranne che sulla convocazione del consiglio comunale.

DF

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, al via le assunzioni a Leroy Merlin. Ecco come fare a candidarsi

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale, salvata da un infermiere

  • Morte di Simone Maini, indagati un ingegnere e i due agricoltori. Oggi l'ultimo saluto

  • Omicidio Mollicone, le struggenti parole del militare-poeta

  • Cassinate, la storia di Giovanni Nardelli: da studente di periferia a manager di successo

  • Scontro tra tir in A1 tra Arezzo e Valdarno, ferito un 39enne di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento