Veroli, non cade in una truffa on line e si ritrova su un sito per adulti

La 31enne aveva scoperto l'inganno da parte di un 50enne veneziano. Lui per vendetta aveva pubblicato l'immagine ed il numero della donna sul web finendo per essere molestata da un ciociaro

Una vicenda che ha dell'assurdo quella capitata ad una 31enne di Veroli e che si è conclusa con la denuncia da parte dei carabinieri di un 50enne veneziano ed un 22enne ciociaro

La finta vendita on-line

Tutto ha avuto inizio con la falsa vendita on line di un trattorino da parte del veneziano che si era sostituito ad un ignaro rivenditore autorizzato di mezzi agricoli. Il 50enne aveva tentato di vendere l'attrezzo, pubblicizzato su un apposito sito internet, alla donna, chiedendo che l’importo dovuto gli fosse versato su una carta Postepay a lui intestata.

La ritorsione

Il truffatore, non riuscendo nell’intento, in quanto scoperto dalla donna prima che questa eseguisse il versamento, come ritorsione ha pubblicizzato l’immagine ed il numero di telefono della stessa su numerosi siti internet per persone adulte.

Le molestie

Il 22enne ciociaro, invece, una volta acquisito il recapito telefonico della donna dai siti on-line, precedentemente pubblicati dal 50enne di Venezia, ha iniziato a contattarla insistentemente nonostante la stessa avesse riferito della truffa tentata nei suoi confronti e richiesto di non essere più disturbata.

I due sono stati denunciati dai carabinieri di Veroli al termine di una complessa ed articolata attività info-investigativa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento