Violano i sigilli posti per un precedente sequestro, denunciati due imprenditori

I due uomini avevano continuato ad utilizzare i depositi sequestrati per custodire, in cattivo stato, generi alimentari e conserve per un valore di circa 600 mila euro

A Frosinone, nei giorni scorsi, i Carabinieri del N.A.S. hanno denunciato  due imprenditori responsabili di un' ingrosso di prodotti ortofrutticoli e conserve alimentari per aver violato i sigilli apposti in occasione del pregresso sequestro di 10 box di 25 mq ciascuno, avvenuto circa due mesi addietro.

I predetti depositi custodivano infatti conserve alimentari di origine vegetale ed animale, prodotti ortofrutticoli e bottiglie di acqua minerale, i quali, essendo mantenuti in cattivo stato di conservazione ed insudiciati, hanno costretto i militari  ad operare il provvedimento restrittivo reale dei box-depositi, il cui valore, compreso gli alimenti contenuti, superava i 600.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli imprenditori denunciati, in dispregio del vincolo reale e dei sigilli apposti, avevano nel tempo continuato ad utilizzare i box per il deposito degli alimenti commercializzati all'ingrosso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Cassinate, esplode una bomba da guerra in un campo dove bruciavano sterpaglie

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

  • Coronavirus, la storia di Pina, Vigile del Fuoco discontinuo che sta combattendo per la vita

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento