Anagni, prezzo del latte e Valle del Sacco i temi dell’assemblea Coldiretti

Vinicio Savone: “abbiamo chiesto alle asl di conoscere le risultanze delle analisi su terreni e acque, inquinamento superato”

greco de carolis savone

Vinicio Savone: “abbiamo chiesto alle asl di conoscere le risultanze delle analisi su terreni e acque, inquinamento superato”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prezzo del latte bovino e Valle del Sacco. Sono stati gli argomenti caldi della assemblea Coldiretti di Anagni promossa dalla segretaria di zona Alessia De Carolis. “Tra pochi giorni, al tavolo con la controparte industriale, spunteremo per il latte un prezzo superiore ai 40 centesimi. Il fatto che qualcuno di voi ne prenda di meno dipende dal tipo di accordo stipulato con le cooperative di raccolta. Al momento dei rinnovi dei contratti di conferimento – ha spiegato il direttore della Coldiretti di Frosinone, Pietro Greco – sarò al vostro fianco per assistervi nella trattativa e recuperare centesimi preziosi per la sopravvivenza dei vostri allevamenti, molti dei quali producono un latte di alta qualità che deve essere premiato necessariamente con il riconoscimento di un prezzo adeguato”. Il presidente provinciale della Coldiretti, Vinicio Savone, ha invece relazionato sugli sviluppi della nuova strategia di approccio alla vertenza Valle del Sacco, costata in dieci anni la chiusura di centinaia di aziende agricole e zootecniche. “Vogliamo conoscere gli esiti delle analisi dei terreni, delle acque, dei foraggi che periodicamente vengono eseguite nei fondi sottoposti a vincoli interdittivi per l’inquinamento e quindi sottratti alle produzioni. Vogliamo altresì conoscere i risultati di quelle eseguite sui pioppi e sui terreni dove sono stati piantati per ripulire la terra da ogni forma inquinante. Sono sicuro che la maggioranza di quelle analisi abbiano dato esito negativo. L’inquinamento, ne sono certo, è ormai un fenomeno residuale e riguarda, nella peggiore delle ipotesi, solo piccoli appezzamenti e solo quelli a ridosso dei siti sottoposti a caratterizzazione. Ho richiesto con atti ufficiali alle Asl delle province di Roma e Frosinone di accedere alle risultanze delle analisi. A breve mi verranno consegnate. Oggi stiamo faticosamente rialzando la testa e recuperando fiducia in una prospettiva di ripartenza. Questa congiuntura favorevole – ha concluso Savone – è un treno che dobbiamo prendere ad ogni costo per far ripartire il sistema agricolo locale che, in condizioni normali, è la prima fonte di occupazione e reddito per migliaia di nuclei familiari che abitano la Valle”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Coronavirus, bollettino 27 maggio: risultato positivo un medico della provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento