Cassino, cresce l'attesa per la "notte europea dei ricercatori"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FrosinoneToday

Cresce in Italia l’attesa per la Settimana della Scienza dal 23 al 30 settembre 2017; eventi, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori, conferenze e visite nei più autorevoli centri di ricerca italiani aperti al grande pubblico e alle scuole di ogni ordine e grado. L’appuntamento precede un altro importante evento, la Notte Europea dei Ricercatori - 29 settembre, la più importante manifestazione europea di comunicazione scientifica che coinvolge 340 città europee in 27 stati e più di 17.500 ricercatori.

In Italia l’evento coordinato dall’Associazione Frascati Scienza apre il 18 settembre le iscrizioni a tutti gli appuntamenti.

L'obiettivo

La manifestazione ha l’obiettivo di avvicinare ricercatori e cittadini di tutte le età ed evidenziare l’importanza e l’impatto positivo della ricerca nella vita quotidiana. Un’opportunità per creare un legame tra scienza e società, per un confronto/dibattito continuo su temi cruciali della ricerca scientifica. Un’occasione, inoltre, per far incontrare i giovani e i ricercatori, per comprendere da vicino questo affascinante mestiere in grado di cambiare concretamente le nostre vite, diventare anche solo per un giorno ricercatore divertendosi e scoprendo discipline scientifiche e, perché no, restare affascinati dalla carriera scientifica pensando un giorno di intraprenderla.

Il filo conduttore

Il filo conduttore della manifestazione organizzata da Frascati Scienza è il Made in Science, per una scienza intesa come vera e propria ‘filiera della conoscenza’. Tutto quello che ci circonda è scienza e lo strumento essenziale per conoscere, spiegare e interpretare il mondo è proprio il metodo scientifico.

Frascati Scienza, oltre a coordinare tutte le attività dell’area tuscolana e nella regione Lazio che apre molte delle infrastrutture di ricerca più importanti d’Italia, sarà presente in tantissime città da nord a sud della penisola, isole comprese: Bari, Cagliari, Carbonia, Cassino, Caserta, Catania, Cave, Cosenza, Ferrara, Frascati, Frosinone, Gorga, Isnello, Lecce, Milano, Monte Porzio Catone, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Pula, Roma, Sassari, Trieste, Viterbo.

Il programma

Si comincia il 23 settembre a Roma all’interno del parco dell’Ex Cartiera Latina; con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, verrà inaugurato il “Luna Park della Scienza” che aprirà  ufficialmente la Settimana della Scienza, dando inizio ai numerosi eventi in programma.

Frascati sarà pacificamente “invasa” da ricercatori di ogni disciplina con le due location, le Mura del Valadier e le Scuderie Aldobrandini che già si preparano ad accogliere migliaia di curiosi da tutta la provincia. Tra gli 80 eventi organizzati direttamente dall’associazione a Frascati da segnalare la presenza della scrittrice e astrofisica Licia Troisi che accompagnerà il pubblico in un vero e proprio viaggio tra mondi inventati che spesso hanno poi trovato corrispondenza nelle scoperte dell’astronomia. Nella “Fisica di Interstellar” l’astrofisico e divulgatore Luca Perri racconterà su quali solide teorie scientifiche si basa il film di Christopher Nolan, vincitore di diversi premi Oscar. E ancora la biologa e divulgatrice Lisa Vozza con le vignette di Andy Ventura ne “I Vaccini dell'era globale” parleranno di vaccini e di come si costruiscono mentre l’autore Lorenzo Monaco in "Jules Verne, Viaggi straordinari nella scienza" presenterà una game-conference che metterà in scena una selezione di libri di Verne, ognuno dei quali ospiterà all'interno un prodotto della ricerca scientifica del 1800, un secolo che parte a cavallo e si chiude coi cavalli vapore.Il Luna Park della Scienza sarà poi replicato tra le strade del centro storico di Frascati  durante la Notte Europea dei Ricercatori.

Come ogni anno una grande attenzione sarà riservata alle scuole di ogni ordine e grado con un calendario di eventi dedicato esclusivamente ai più piccoli. E anche quest’anno sarà possibile portare la Notte Europea dei Ricercatori direttamente dentro le scuole! Basta prenotare Partendo dalle basi: il DNA, Geofisica e Vulcanologia, Da zero a Mille zampe: gli animali delle nostre città e Fisica per Esperimenti per portare i ricercatori direttamente nella vostra struttura.

Di seguito i principali eventi della Settimana della Scienza e della Notte Europea dei Ricercatori nei principali Centri di Ricerca italiani della ciociaria e della Valle del Sacco:

A Gorga

Il Gruppo Astrofili Monti Lepini organizza  un interessante ‘viaggio’ alla scoperta è appassionato di comete e asteroidi, l’appuntamento da non perdere è presso l’Osservatorio Astronomico di Gorga. Sarà, infatti, possibile vedere come è fatta una cometa utilizzando un modello stampato in 3D della cometa 67P/Churyumov- Gerasimenko, osservata dalla sonda Rosetta e visitata dal Lander Philae.

A Cassino

L’Università di Cassino e del Lazio Meridionale insieme a Sapienza Università di Roma e all’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’ presenta HeritageGo. Il progetto HeGO-HeritageGO si propone l’analisi e la conoscenza dei BBCC (tecnologie applicate ai Beni Culturali) con un processo partecipato che coinvolge ampie fasce di utenza, senza diversificarle per età o competenza, e farle contribuire (mediante totem dedicati) alla costruzione di modelli grafici tridimensionali scientifici di Beni architettonici, archeologici o urbani, attraverso l’acquisizione in loco tramite app delle immagini digitali da essi riprese con l’uso dei più comuni mezzi digitali oggi utilizzati. A Frosinone si “giocherà” con Donne in Gioco. Dal 1946 a oggi.

La Notte Europea dei Ricercatori, che quest’anno compie 12 anni, è promossa dalla Commissione Europea.

Collaborazioni

Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato con il supporto della Regione Lazio in collaborazione con Comune di Frascati, ASI, CINECA, CREA, ESA-ESRIN, GARR, INAF, INFN, INGV, ISPRA, ISS, Sapienza Università di Roma, Sardegna Ricerche, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università LUMSA di Roma e Palermo, Università di Parma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Università degli Studi Roma Tre, Università di Sassari, Astronomitaly, Associazione Tuscolana di Astronomia, Explora, G.Eco, Ludis, Osservatorio astronomico di Gorga (RM), Sotacarbo.

L’evento vede inoltre la partecipazione di: Associazione Eta Carinae, Cicap Lazio, Consorzio di Ricerca Hypatia, Engineering, Fondazione GAL Hassin di Isnello (PA), GEA, Giornalisti nell’Erba, FVA New Media Research, ICBSA, Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e Istituto Dermatologico San Gallicano - IRCSS Roma, Matita Animata, Museo Geopaleontologico “Ardito Desio” di Rocca di Cave, Osservatorio Malattie Rare, Museo Tuscolano delle Scuderie Aldobrandini, STS Multiservizi, Ass. Speak Science, Ass. ScienzImpresa, Tecnoscienza.it srl, The Document Foundation, Unitelma Sapienza, Università della Tuscia.

Altri partner di Frascati Scienza: Accatagliato, Associazione culturale Arte e Scienza, Associazione culturale Chi sarà di Scena, Associazione Amici di Frascati, Res Castelli Romani, MaCSIS, AGET Italia, Comune di Grottaferrata, Istituto salesiano di Villa Sora, Pro Loco Frascati 2009.

Con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Regione Lazio, Parco Regionale dei Castelli Romani, Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini, Roma Capitale, Comune di Monte Porzio Catone.

La Notte Europea dei Ricercatori di Frascati Scienza è finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito della call MSCA-NIGHT-2016/2017 (Grant Agreement No. 722952).

Per il programma completo della manifestazione con il dettaglio dei giorni, orari e luoghi, visitare il sito: www.frascatiscienza.it/

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento