Ripi, al Museo dell’ Energia è il momento di “Gustascienza”

Una manifestazione unica nel suo genere dove si discute di alimentazione sostenibile: non solo un evento culturale ma un’occasione per la conoscenza e la valorizzazione del territorio, delle sue tradizioni e degli usi delle comunità locali

Il GUSTASCIENZA è giunto alla sua terza edizione con una programma di eventi che parte dal 30 settembre fino al 28 ottobre. Con la sua duplice lettura di ‘gusto della scienza’ e ‘scienza del gusto’ la manifestazione può essere considerata un contenitore multiforme di eventi ed al contempo il principale evento di divulgazione scientifica del Museo dell’Energia di Ripi.

Valorizzazione del territorio

Non è solo un evento culturale ma un’occasione per la conoscenza e la valorizzazione del territorio, delle sue tradizioni e degli usi delle comunità locali, del valore del lavoro dell’uomo che lo rendono unico al mondo.

Alimentazione sostenibile

Si parla finalmente in questa occasione di alimentazione sostenibile, argomento difficile ma di grande attualità, ovvero di un’alimentazione sana, con basse emissioni di carbonio e azoto, attenta alla biodiversità e rispettosa degli ecosistemi ma soprattutto ricca di cibi locali e tradizionali come quelli di cui è ricco il territorio ciociaro. Il museo dell’Energia ha così messo a punto l’idea di un evento che vuole mettere insieme scienza e cibo come strumento di comprensione delle tematiche legate alla sostenibilità ambientale.

Le attività

Per questo vengono proposte attività didattiche, formative e di apprendimento che puntino e stimolino la curiosità scientifica dei visitatori e degli studenti e affinché possano essere in grado di riconoscere un cibo buono e soprattutto sano rispetto al resto. Le attività saranno incentrate sui racconti dei produttori e le loro storie ma anche su attività sperimentali ed esperienze tecnico-scientifiche  il cui obiettivo finale non sarà semplicemente quello di “parlare di scienza” o “parlare di cibo”, ma quello, opposto, di far vivere in prima persona ai visitatori un’esperienza interessante per il piacere della comprensione ma anche appagante e gustosa per il palato.  Proprio questa visione centrale della persona caratterizza l’attività del Museo di Ripi: si parla di scienza e di storia attraverso le persone, l’amore per un territorio che tanto ha offerto, offre e ha da dare ancora, le tradizioni e la memoria.

Tramite questo evento i ricercatori scientifici saranno portati fuori dai loro laboratori e i produttori, i contadini e gli allevatori saranno nelle piazze affinché tutti si immergano in un contesto comune, rendendo l’incontro tra pubblico e tematiche scientifiche un’esperienza quanto più familiare possibile

Le collaborazioni

Il Gustascienza è una manifestazione resa possibile grazie a numerose collaborazioni e sinergie con associazioni locali, con l’ amministrazione comunale di Ripi, Slow Food Frosinone, il Circolo Legambiente “La Vite” Ripi, ISIPU - Istituto Italiano di Paleontologia Umana, l’ associazione Medici di Famiglia per l'Ambiente di Frosinone e Provincia, RESINA - REte SIstemica NAturalistica della Regione Lazio, la Protezione Civile di Ripi e l’ associazione Centro Anziani “Zio Nino”. Un intero territorio si muove per promuoversi e per valorizzare le proprie radici, tradizioni e tipicità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Sesso in strada durante la quarantena, ragazza ciociara beccata e denunciata

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Coronavirus, muore dopo essere guarito dal Covid-19

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento