Paliano, fischi e rumorose proteste a Zingaretti, in città per Domenico Alfieri, dopo l’autorizzazione del TMB

E' stato accolto  con  fischi,  pernacchie e striscioni a mò di sfottò il Presidente della Regione Nicola Zingaretti venuto a Paliano a sostenere la candidatura a sindaco di Domenico Alfieri della lista  Per Paliano Progetto Comune PD-SEL. Che...

E' stato accolto con fischi, pernacchie e striscioni a mò di sfottò il Presidente della Regione Nicola Zingaretti venuto a Paliano a sostenere la candidatura a sindaco di Domenico Alfieri della lista Per Paliano Progetto Comune PD-SEL. Che differenza con la precedente visita della Polverini (allora anch'essa era presidente della Regione) quando fu accolta con gli sbandieratori e con i costumi del 500. Tornando ad oggi la contestazione, fatta dai rappresentanti di tutte le altre quattro liste che avversano Alfieri è iniziata verso le 17.30 con il dispiegamento degli striscioni che prendevano in giro il Presidente sulla decisione di autorizzare la costruzione del TMB presso la discarica di Colle Fagiolara a Colleferro (analizzata da noi nel dettaglio in un altro articolo). Una battaglia che tutta la sinistra ha combattuto nel tempo e che oggi invece la vede divisa su questo tema. L’amministrazione Sturvi che nel settore della tutela ambientale ha dato il via alla raccolta differenziata si è attestata al 55% ed ha firmato il protocollo rifiuti zero al 2020, non ha digerito questo provvedimento anche se in un primo momento aveva scritto alla Polverini per installarne un altro di TMB ma a Castellaccio nella proprietà dell’ACEA dal quale almeno il comune avrebbe preso il ristoro ambientale. Con il presidente Nicola Zingaretti, il Consigliere Regionale Mauro Buschini ed Sen. Francesco Scalia a dare il loro sostegno ad Alfieri.

Il candidato sindaco Alfieri all'interno della sala di piazza XVII Martiri, con le porte chiuse grazie all’intervento dei carabinieri, ha illustrato molto succintamente le linee programmatiche della sua squadra ed ha chiesto a Zingaretti un progetto condiviso per la riqualificazione della selva. “ Però - ha aggiunto Alfieri - vicino alla Selva c’è lo scempio di Colle fagiolara che impatta non poco e che è una vergogna. Ti chiediamo di lavorare per far sparire quello scempio”. Sul finire del suo discorso Alfieri ha lanciato una violenta accusa alle altre due liste di sinistra in competizione; quella di Nevia Borgia e quella di Gianluca Pratini definendole “due liste satelliti di Sturvi fatte fare appositamente dallo stesso”.

Poi è stata la volta dei Zingaretti: “Io sono venuto oggi e tornerò dopo la vittoria di Domenico Alfieri - esclamato il presidente. Chi fischia oggi non conosce le cose disastrose lasciateci dal governo della destra. Noi abbiamo riportato la Regione Lazio, ad una condizione umana vivibile e notevoli sono gli atti fatti in questo primo anno, ad iniziare dal taglio dei fondi alla Politica, agli enti che sono stati dimezzati ed ha ricordato che i pagamenti della pubblica amministrazione da 1100 giorni sono stati portati a 180 giorni".

Per tornare ai problemi locali Zingaretti ha assicurato che: "La Selva è al primo posto per la richiesta di fondi all’Europa per lo sviluppo, ma ha poi glissato sul TMB, per il quale vi era stata la contestazione da parte delle altre quattro liste in lizza per il governo locale ed ha parlato del rifiuto che deve essere una ricchezza e non un peso per tutti ed ha chiuso dicendo “Io posso dare un’importante mano a Domenico ma è nelle vostre mani la sua elezione a sindaco, ecco perché dovete darvi da fare da subito. Il Lazio ha cominciato a cambiare e sono sicuro che cambierà anche Paliano”. Alla fine dell’incontro Zingaretti è dovuto uscire da una porta di servizio dietro la sala e raggiungere via per la Cona.

Di seguito la nota stampa della lista Per Paliano Progetto Comune

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DALLA LISTA PER PALIANO PROGETTO COMUNE: Quello che è accaduto ieri pomeriggio a Paliano riassume in una scena triste e indecorosa la realtà di questa campagna elettorale: tre liste unite a insultare ed inveire con metodi squadristi di altri tempi. Sproloqui violenti e minacce urlate contro la lista per Paliano “Progetto Comune” che ospitava ieri in una grande e partecipata assemblea pubblica il nostro Presidente di regione Nicola Zingaretti, venuto a dare sostegno alla campagna elettorale Pd e Sel e al candidato sindaco Domenico Alfieri.

Erano gli ambientalisti dell’ultima ora, squadristi arroganti dall’altra parte della piazza XVII Martiri incitati dal sindaco (ancora per poco) che affacciato al balcone del comune dava istruzioni su come agire.

Una scena di altri tempi che ci ricorda tanto la storia più brutta e nefasta del nostro Paese.

Il primo cittadino dovrebbe essere la prima autorità a difesa dell’ordine pubblico in un paese democratico, evidentemente la loro democrazia non è la nostra!

Volevano chiaramente impedire lo svolgimento della nostra manifestazione, ma non ci sono riusciti.

Le forze dell’ordine visto il temperamento aggressivo dei pochi, non riuscendo a contenerli hanno voluto che fossero accostate le porte della sala del cinema: chi voleva entrare ed ascoltare era dentro, chi voleva solo insultare e bloccare l’iniziativa è rimasto fuori!

Purtroppo però sono rimasti fuori anche tanti comuni cittadini venuti a dare sostegno alla nostra lista e di questo siamo molto amareggiati.

Il clima di ieri è stato creato ad arte da tempo dalla Lista Sturvi, che già scriveva giorni fa che avrebbe accolto a calci nel sedere il presidente della Regione; parole che palesano ancora una volta l’arroganza del potere e il non rispetto delle istituzioni e degli avversari.

Forse Sturvi avrebbe preferito che a presiedere la regione ci fossero ancora i suoi amici Polverini e Fiorito, magari gli avrebbero fatto passare il progetto del TMB a Castellaccio, come da lui è stato richiesto ufficialmente, interessato solo al ristoro economico; forse Sturvi così avrebbe avuto sicuramente più risorse da spendere in questa campagna elettorale, oltre le strade, i lampioni e le statue, i dossi e le fogne cercando di accaparrare gli ultimi voti.

Tre liste unite, non facevano neanche 50 persone, persone mai viste nelle battaglie a difesa dell’ambiente, compresi altri due improvvisati candidati a sindaco risorti dopo 5 anni di letargo.

Ci dispiace che queste persone non hanno partecipato ad altre iniziative che abbiamo organizzato insieme a rappresentanti della Regione come il bando per i giovani “Torno subito”; l’iniziativa sulla bonifica e sul recupero della Valle del Sacco con la consigliera Daniela Bianchi; l’iniziativa sull’agricoltura e il nuovo PSR con l’assessore regionale Sonia Ricci; l’iniziativa con la lega delle Cooperative sull’occupazione giovanile; gli incontri con il presidente della Cia Ettore Togneri. Questa è stata ed è la nostra campagna elettorale, non urli, minacce e boicottaggio di iniziative altrui.

I veri ambientalisti, coloro che per anni a Colleferro e nei paesi limitrofi si sono battuti per il nostro territorio stavano dentro la sala ad ascoltare il presidente della Regione e non sono caduti nella trappola elettorale delle “tre liste in una” che hanno cercato in questi giorni di strumentalizzarli contro di noi.

Comunque i cittadini di Paliano ieri, giovedì 15 Maggio, hanno visto ancora una volta in più la distanza che c’è tra la nostra lista e le altre. Ci sono arrivati moltissimi messaggi e dimostrazioni di affetto di tanti cittadini, oggi ancora più convinti di stare con noi, dalla nostra parte: dalla parte della legalità, della democrazia e del rispetto delle istituzioni.

L’impegno della nostra lista a tutela della salute pubblica e dell’ambiente è stato ribadito dal futuro sindaco Alfieri: “siamo contrari a nuovi impianti, ci battiamo per una politica sui rifiuti chiara e trasparente, la regione ci sarà vicina e lavoreremo insieme per dare uno sviluppo sostenibile al nostro Paese”. Anche il presidente Zingaretti ha ribadito il proprio impegno per il nostro territorio e tornerà dopo la vittoria del 25 Maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Alatri, tragedia a Tecchiena: scoppia bombola di gas e muore un anziano. Identificata la vittima

  • Sesso in strada durante la quarantena, ragazza ciociara beccata e denunciata

  • Coronavirus, muore dopo essere guarito dal Covid-19

  • Perde il controllo del grosso tir e si intraversa su via Palianese (foto e video)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento