Regione Lazio, Sanità: Zingaretti; " Eliminata burocrazia per 600 mila malati cronici

“Oggi, 11 febbario,  ho firmato un decreto che cancella parte del percorso burocratico che almeno  600mila cittadini del Lazio, affetti da malattie croniche, devono affrontare per il rinnovo del  tesserino  necessario a non pagare il ticket”.

“Oggi, 11 febbario, ho firmato un decreto che cancella parte del percorso burocratico che almeno 600mila cittadini del Lazio, affetti da malattie croniche, devono affrontare per il rinnovo del tesserino necessario a non pagare il ticket”.

Lo annuncia il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti dopo aver sottoscritto un provvedimento, pubblicato oggi sul numero 12 del Bollettino ufficiale della Regione Lazio, che dispone la semplificazione delle procedure in questa materia.

Il documento doveva essere rinnovato ogni anno recandosi presso lo sportello della propria Asl, con inevitabili perdite di tempo e lunghe file, ogni 12 mesi il timbro andava messo su 1 milione e 657.794 esenzioni (questo perché molti pazienti soffrono di più di una patologia).

“Ora tutto questo non accadrà più: da oggi per 142 patologie croniche, la stragrande maggioranza di quelle individuate nel Decreto del Ministero della salute del 23.11.2012, il rinnovo sarà illimitato. Con questi atti concreti – spiega Zingaretti – dimostriamo di essere sempre vicini alle persone”.

Nello specifico per 6 patologie durerà 5 anni, per 13 due anni, mentre per i neonati prematuri con ricovero in terapia intensiva neonatale la validità sarà di tre anni e infine per la tiroidite di Hashimoto di 18 mesi. Le patologie interessate dal provvedimento sono ad esempio: malattie cardiache, arteriosclerosi, colite ulcerosa, cirrosi, epilessie, immunodeficienze, insufficienze cardiache, renali, respiratorie, alzhaimer, ipertensione, diabete e parkinson, schizofrenie, pancreatiti, malattie oncologiche, psicosi e autismo.

Il decreto punta ad eliminare oneri di accertamento impropri a carico della pubblica amministrazione e definisce il periodo minimo di validità dell’attestato di esenzione dalla partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie in relazione alle diverse patologie e alla possibilità di miglioramento, valutata in base alle evidenze scientifiche.

Inoltre, si conferisce mandato alla Lait di aggiornare il sistema informativo regionale con i codici di esenzione con le nuove durate. Il decreto dovrà avere ampia diffusione all’interno delle aziende sanitarie della Regione.

BUSCHINI: “DECRETO ZINGARETTI PER MALATI CRONICI, MOLTO BENE”

“Con la firma sul decreto del Presidente Zingaretti di oggi, la Regione Lazio ha contribuito a semplificare l’accesso all’assistenza per le persone affette da malattie croniche e ai loro familiari. E’ stato tagliato gran parte del percorso burocratico per il rinnovo del tesserino necessario a non pagare il ticket.

Prima il documento doveva essere rinnovato ogni anno recandosi presso lo sportello della propria Asl, con file e perdite di tempo. Difficoltà per una categoria di cittadini già pesantemente gravata dal disagio fisico. Da oggi questo passaggio sarà bypassato. Per 142 patologie croniche il rinnovo sarà illimitato.

Tra le patologie interessate dal provvedimento, malattie cardiache, arteriosclerosi, colite ulcerosa, cirrosi, epilessie, immunodeficienze, insufficienze cardiache, renali, respiratorie, alzhaimer, ipertensione, diabete e parkinson, schizofrenie, pancreatiti, malattie oncologiche, psicosi e autismo.

Il decreto mira a semplificare e togliere gli oneri di accertamenti impropri a carico del sistema sanitario e stabilisce il periodo minimo di validità dell’attestato di esenzione dal ticket.

Un provvedimento importantissimo approvato dalla Regione Lazio e dal Presidente Zingaretti che dimostra come il nuovo governo regionale operi nel solo interesse dei cittadini, soprattutto delle fasce più deboli”E’ quanto dichiara il consigliere regionale Mauro Buschini

SANITÀ, PETRANGOLINI: TAGLIO BUROCRAZIA BELLA NOTIZIA PER I MALATI CRONICI

“Esattamente un anno fa i malati cronici nelle asl romane facevano la fila dalle 4 del mattino. Ecco perché oggi possiamo festeggiare finalmente una bella notizia per migliaia di cittadini e per le loro famiglie. Davvero una grande vittoria per le associazioni di tutela dei pazienti da anni impegnate per evitare sofferenze inutili nel rapporto con i servizi sanitari”.

Questo il commento di Teresa Petrangolini, consigliere regionale del Lazio e componente della Commissione salute e politiche sociali della Pisana a proposito del decreto firmato oggi da Zingaretti per eliminare buona parte degli adempimenti finora necessari per non pagare i ticket sanitari.

“Ci sono migliaia di malati cronici che vivono in una condizione di vita del tutto irreversibile. Ed era veramente scandaloso chiedere a queste persone e alle loro famiglie – spesso completamente dedicate all’assistenza del proprio congiunto - di ritornare ogni anno a dimostrarlo, sottoponendosi a oneri di accertamento del tutto inutili”.

“Eliminare queste barriere burocratiche significa, dunque, recuperare il rispetto per la dignità delle persone ed evitare loro dei disagi che non servono a nessuno. Nemmeno agli operatori delle amministrazioni pubbliche che devono essere impiegati in altre attività, non certo in pratiche vessatorie per i cittadini e antieconomiche per le casse della Regione”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Alatri, l'ultimo e straziante saluto a Marco Cialone

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento