Roma, “beccato” in città invece di stare a casa agli arresti

Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Scalo Termini, hanno arrestato un cittadino romano 58enne, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di evasione.

Roma, “beccato” in città invece di stare a casa agli arresti

Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Scalo Termini, hanno arrestato un cittadino romano 58enne, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di evasione.

L’uomo è stato fermato per un normale controllo, in piazza dei Cinquecento, nei pressi della scala di accesso alla linea metropolitana.

Cosi, i militari dell’Arma a seguito degli accertamenti hanno scoperto che l’uomo era ristretto al regime degli arresti domiciliari. Immediatamente arrestato dai militari dell’Arma, l’uomo è stato poi accompagnato in caserma, dov’è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

AL PIGNETO E SAN LORENZO, TRE PERSONE ARRESTATE ED UNA DENUNCIATA. STUDENTE AVEVA ADIBITO CASA SERRA PER DROGA

I Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante, in collaborazione con i militari dell’8° Reggimento “Lazio”, hanno portato a termine un servizio straordinario di controllo nei quartieri Pigneto e San Lorenzo, luoghi della movida della Capitale.

Con una iniziativa attenta ed oculata, finalizzata al contrasto del fenomeno dello spaccio di droghe e dell’abuso di alcool, hanno messo in campo una serie di controlli. Il Bilancio dell’operazione dei Carabinieri parla di tre persone arrestate ed una denunciata a piede libero.

In particolare a finire in manette sono stati: un 21enne romano, studente, che all’interno della propria abitazione di via Macerata, al Pigneto, aveva allestito due serre per la produzione e la coltivazione della marijuana. A seguito della Perquisizione, i militari dell’Arma hanno rinvenuto 17 piante di marijuana, lampade alogene, areatori, umidificatori e del concime ormonale, tutto materiale necessario per lo sviluppo del principio attivo delle piante. Oltre a 150 grammi di stupefacente già pronto per la vendita e 1765 euro in denaro contante probabile provento della sua attività illecita, tutto sottoposto a sequestro.

Sempre in via Macerata, poco dopo, gli stessi Carabinieri hanno arrestato due pusher stranieri, uno del Gambia di 18 anni ed uno del Senegal di 38 anni, entrambi sorpresi mentre spacciavano dosi di marijuana che avevano occultato tra le auto in sosta, sequestrati 30 grammi di stupefacente e 150 euro in denaro contante; la denuncia a piede libero è scattata invece nei confronti di un 34enne romano, fermato dai Carabinieri, in piazzale del Verano, alla guida della sua auto senza patente in quanto revocatagli e privo della copertura assicurativa. Nei suoi confronti è scattata anche una multa salatissima oltre al sequestro del veicolo. Sul piano dell’abuso di alcool, i Carabinieri hanno invece sanzionato, per un importo di circa 7.400 euro, un cittadino del Bangladesh di 47 anni, titolare di un negozio di alimentari, in via degli Equi, nel quartiere San Lorenzo, sorpreso a vendere bevande alcoliche oltre l’orario consentito. Nel Corso del servizio i Carabinieri hanno complessivamente controllato 40 persone di cui 13 già note alle forze dell’ordine, 12 veicoli mentre sono 6 le persone segnalate al competente U.T.G. in qualità di assuntori di sostanze stupefacenti.

TOPO D’APPARTAMENTO ACROBATA RINTRACCIATO ED ARRESTATO DAI CARABINIERI GRAZIE AD UNA IMPRONTA LASCIATA SU DI UN COMO’.

Un vero ladro specializzato, nonostante la sua giovane età, un 21enne cittadino romeno specializzato nei furti in appartamento, le cui abilità ricordano quelle di un acrobata, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Ottavia, che gli hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Roma a seguito di accurate indagini Il giovane ladro, il 4 Giugno del 2012, si arrampicò fino al quarto piano di uno stabile di via della Lucchina, in zona Ottavia e dopo aver forzato una finestra, si introdusse all’interno di un appartamento, rubando monili in oro e 1500 euro in denaro contante. I Carabinieri, intervenuti a seguito della denuncia sporta dalla vittima, eseguirono un sopralluogo con accurati rilievi dove furono repertate delle impronte digitali, trovate sul comò, presente all’interno della camera da letto. I riscontri effettuati dai Carabinieri del RIS hanno poi consentito di accertare che le impronte erano del 21enne, già censito alla banca dati per altri reati analoghi. Ieri, i militari hanno rintracciato il giovane, nella sua abitazione in via Francesco Tovaglieri , dove era ristretto al regime degli arresti domiciliari, sempre per altri furti in appartamento commessi. L’arrestato è stato associato al carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre le indagini per accertare l’eventuale presenza di complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento