Anomalie nella Asl ciociara: tuona Rosa Roccatani

La responsabile Ugl Sanità scrive al presidente Sergio Mattarella: "Qui dilaga l'illegalità e scema la sicurezza"

Dura lettera aperta al presidente della Repubblica, a firma della UGL Sanità di Frosinone, contro il mandato di commissario straordinario, che svolgerebbe un ruolo contro gli interessi dei giovani con una impropria carica. Cosi, la segretaria scrive una lettera aperta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per segnalare i fattori che impediscono alla sanità ciociara di avere finalmente stabilità e allontanano i giovani dalle istituzioni. Ad inviarla alla massima autorità dello Stato è la responsabile dell’Ugl Sanità Rosa Roccatani che pone l’attenzione su alcuni temi, a cominciare dall’anomalia della Asl di Frosinone dove c’è un commissariamento che dura da circa 3 anni:

Dilaga l’illegalità

“Dilaga l’illegalità – scrive la Roccatani – mentre scema sempre più la sicurezza e la certezza del diritto, salta finanche l’obbligo del rispetto delle leggi dello Stato, tutto nel silenzio assordante delle istituzioni. Un esempio di questa situazione lo rappresenta in pieno l’attuale Presidente della Regione Lazio e Commissario ad acta della sanità, che mentre sbandiera pubblicamente il superamento del disavanzo, anziché nominare un Direttore Generale e dare stabilità alla sanità ciociara, imperterrito conferisce e mantiene lo stato di Commissariamento della ASL di Frosinone, affidando l’incarico a un soggetto in quiescenza ultrasettantenne”.

La legge non prevede l’incarico dirigenziale

La legge non prevede la possibilità di offrire incarichi dirigenziali o direttivi o cariche di governo delle amministrazioni a soggetti collocati in quiescenza. Zingaretti ha però sfruttato un circolare che escludeva i commissari straordinari nelle situazioni di emergenza: “L’UGL Sanità – si legge nella missiva – si chiede: è da definirsi eccezionale e temporaneo, un commissariamento della durata di circa 3 anni? Ulteriori perplessità sorgono al sindacato e all’intera cittadinanza, sulla legittimità dei procedimenti attuati da Macchitella, in quale nella veste di Commissario Straordinario procede alla stesura dell’Atto Aziendale nonché a provvedimenti di natura straordinaria.

Quali sentimenti patriottici

A fronte di ciò – continua la lettera – impotenti assistiamo quotidianamente:

  1. Alla rassegnazione di molti giovani che vedono come unica futura speranza l’emigrazione;
  2. Il disperato bisogno di uomini e donne di un lavoro che non c’è;
  3. Il rischio concreto della perdita del posto di coloro che ancora lavorano, (è di questi giorni l’annunciata dislocazione in Bulgaria dell’Ideal Standard lasciando nella disperazione circa 500 famiglie);
  4. Ai miseri salari percepiti da tanti lavoratori, spesso al disotto dei 500 euro mensili;
  5. Alla oramai istituita precarietà lavorativa;
  6. All’inevitabile istaurata sudditanza e asservimento oramai tangibile, che spazza qualsivoglia senso di libertà e dignità negli uomini e donne giovani o anziani.

Dunque, illustrissimo e stimato Presidente, non è facile restaurare quella molteplicità di sentimenti patriottici di una Italia da tempo in svendita che lei aveva richiamato nel messaggio di fine anno”.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, Amazon apre entro fine anno. Al via le assunzioni, le figure ricercate e le condizioni

  • Pontecorvo, incidente di via Leuciana, perde la vita l'autotrasportatore Tommaso Pulcini

  • Due carabinieri investiti da una macchina che ha forzato il posto di blocco

  • È Gaetano Bonanni di Segni il ciclista trovato morto sull’Anticolana

  • Il Magicland pronto per la nuova stagione ma scompare la parola Valmontone, una sconfitta della classe politica locale

  • Pontecorvo, dopo lo schianto di ieri sera in via Leuciana muore anche Luca Forte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento