Migliorelli (Saf) replica ad Ottaviani: "pensi a ridurre l'inquinamento"

Duro attacco del presidente della società che gestisce il centro di smaltimento di rifiuti al sindaco di Frosinone che più volte, in passato, ha stigmatizzato l'operato dell'azienda

"La Saf non fa business. Ciò nonostante, trattandosi di una società per azioni a totale partecipazione pubblica, essa è amministrata in ossequio ai criteri di economicità, continuità, autonomia ed efficienza per assicurare il mantenimento degli equilibri finanziari, della gestione sana e trasparente e anche, nell’esercizio appena concluso, il bilancio in attivo". Queste le parole del presidente Migliorelli che ha puntanto l'indice sul sindaco Ottavianinche in piu' occasioni aveva attaccato l'azienda che lavora per lo smaltimento dei rifiuti.

"Le parole del sindaco di Frosinone -scrive Migliorelli in una nota-mi ricordano la favoletta della volpe e dell'uva. Li' dove la volpe non arriva, dice che l'uva è acerba. Ricordo quando il sindaco del capoluogo venne in assemblea, l'anno scorso, ad asserire che la Saf era una società tecnicamente fallita. A distanza di un anno riproponiamo un utile importante e livelli di affidabilità invidiabili per un’azienda operante nel settore dei rifiuti. D'altronde, non invidio Nicola Ottaviani che si trova ad amministrare una delle città più inquinate di Italia come qualità dell'aria, senza che il passare degli anni abbia migliorato tale posizione non certo invidiabile. Una gestione oculata, attenta e responsabile è la missione quotidiana di chi amministra la Saf e gli utili conseguiti – certificati nel bilancio che sarà sottoposto all’attenzione della prossima assemblea dei sindaci – non saranno impiegati per speculazioni di sorta, né per la distribuzione di dividendi, ma piuttosto per garantire un sempre più elevato indice di tutela ambientale e di performance dell'impianto in un settore strategico per la collettività provinciale, senza peraltro chiedere apporti economici ai soci. Saf, nella piena e convinta consapevolezza della necessarietà di recepire e applicare le linee guida dell’economia circolare, dopo l'approvazione da parte dei soci del Piano Industriale 2018 – 2022, si avvia verso un processo di ammodernamento che rivoluzionerà gli attuali sistemi di trattamento dei rifiuti in Ciociaria e che trasformerà il Tmb in moderna Fabbrica delle Materie.

La rivoluzione sui sistemi di trattamento rifiuti

Una rivoluzione che, ricordo a me stesso, è stata deliberata dall’organismo sovrano della Saf, cioè da quella assemblea dei sindaci che, appena un anno fa, autorizzò la società a ricevere e trattare una minima parte dei rifiuti prodotti dalla Capitale i cui scarti, ritengo opportuno ribadirlo, dopo la lavorazione tornano a Roma, per la precisione nella discarica di Colleferro. Evocare, infine, l’incubo del disastro ambientale e sanitario che ha segnato dolorosamente un altro territorio del nostro Paese è una semplificazione gratuita almeno irriguardosa nei confronti di quella comunità ferita, ma anche immeritata rispetto al puntuale, rigoroso e responsabile impegno quotidiano della Saf, della sua dirigenza e dei suoi lavoratori che, giorno per giorno, garantiscono lo svolgimento delle attività industriali in un contesto di assoluta sicurezza e di massima attenzione al contesto ambientale e per la salute pubblica dei cittadini residenti nel comprensorio sul quale insiste l’impianto.

I cancelli di Colfelice resteranno aperti

I cancelli dello stabilimento di Colfelice sono sempre aperti, anche a beneficio di quanti – sarebbero i benvenuti – volessero percorrere una trentina di chilometri per verificare di persona, sul posto e senza intermediazione alcuna la veridicità di tale affermazione. Concludo ricordando che ottemperare all’ordinanza del Governatore del Lazio non è stato solo atto dovuto, ma anche testimonianza di solidarietà, in un momento drammatico, per una città che tra i suoi residenti, o comunque tra le sue presenze quotidiane, annovera una vastissima schiera di ciociari che si recano a Roma per lavoro e per studio, per ricevere cure mediche o anche semplicemente per turismo. 

Potrebbe interessarti

  • Cassino, 700 persone usano l’acqua pubblica ma non la pagano

  • Cervaro, nominato il commissario prefettizio: arriva Monica Ferrara Minolfi

  • In Ciociaria sale la psicosi cinghiali. Si moltiplicano gli avvistamenti anche su un campo da tennis (video)

  • Pronto soccorso dello Spaziani: "un vero e proprio inferno". Aumentano disagi e polemiche

I più letti della settimana

  • Tragico incidente in A1, muore il camionista ciociaro Argo Natalizia

  • Cassino-Pontercorvo, incidente in A1. Grosso tir va a sbattere sul guardrail e perde il carico (foto)

  • Valmontone-San Cesareo, grosso tir si intraversa in A1, code chilometriche. Quattro persone ferite

  • A fuoco nella notte tra sabato e domenica il supermercato Lidl in via Maria

  • San Giorgio a Liri, ex insegnante investita in centro: trasferita a Roma in codice rosso

  • Fa diventare il ristorante un B&B con 13 stanze. Oltre 6 mila euro di multa al proprietario

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento