Troppe partite iva, ecco il nuovo precariato nella Asl del capoluogo

I nuovi contrattualizzati non hanno alcun diritto e la situazione continua a peggiorare

Un nuovo precariato sta nascendo alla Asl di Frosinone: la denuncia arriva dalla UGL Federazione Sanità,  personale che oltre all’instabilità lavorativa è privo di qualsivoglia diritto: previdenziale, assicurativo, contributivo. A denunciarlo la responsabile dell’Ugl Sanità Rosa Roccatani che segnala la massiccia assunzione di personale a partita Iva che ha superato quota 300:

Da qualche anno si procede all’immissione di lavoratori

"E’ da qualche anno – spiega la Roccatani – che l’azienda USL di Frosinone, magari con il beneplacito Regionale, procede all’immissione in servizio di centinaia di lavoratori a Partita IVA, cosiddetti consulenti esterni, sebbene il ricorso agli stessi per legge sia consentito solo per situazioni eccezionali limitatamente a un massimo di 6 mesi, ma rivolta esclusivamente all’elevata professionalità non rinvenibile in ambito aziendale".

Poche le informazioni sul sito aziendale 

Tutto avviene in assenza delle alcuni aspetti fondamentali: un regolare avviso delle previste prove comparative e selettive, durata – luogo – oggetto delle prestazioni e relativo compenso della collaborazione, da pubblicizzare sul sito istituzionale dell’Ente. Norme probabilmente che “sfuggono” alla Asl di Frosinone, infatti sul sito aziendale non vi è traccia: dei nominativi dei consulenti sul sito aziendale (oggetto dell’incarico) durata, luogo e compensi neppure a parlarne.

Proroghe in modo discrezionale

"Prevale invece, in occasione del reclutamento dei consulenti a Partita IVA, l’inserimento del personale sull’Albo Professionale Aziendale, i quali non è dato sapere né i criteri di scelta, né la durata dell’incarico poiché le proroghe avvengo in modo discrezionale, nonostante le norme né vietano il rinnovo. Contratti di lavoro autonomo e occasionale recita la norma, ma che di occasionale non c’è alcunché, poiché, in realtà i “cosiddetti” Consulenti sono utilizzati per sopperire l’annosa carenza di organico, palesemente riconducibili a lavoro subordinato, ma assai lontano dalle tutele che un contratto di lavoro subordinato assicura. Un comportamento sregolato lontano da qualsivoglia norma, ma che genera nei giovani, più sudditanza meno dignità e zero tutele”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Maltempo, in arrivo vento forte e neve sulle colline della Ciociaria

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento