Alatri, dopo lo street food il centro storico resta sporco

Il Consigliere comunale Gianluca Borrelli chiede spiegazioni riguardo diversi aspetti organizzativi sulla gestione dell’evento da parte della "Pecora Blu"

Lo street food ad Alatri che si è svolto lo scorso fine settimana ha lasciato una strascico di polemiche soprattutto per come è stato lasciato il centro bellissimo centro storico o meglio alcune parti di esso con le pavimentazioni in sampietrini sporco con delle grosse macchie di olio.

Molte le cose che vanno approfondite

“L'associazione "La pecora blu" ha avuto un  ottimo risultato e questo gli va riconosciuto. Però ci sono alcune cose che non quadrano – dice a Frosinonetoday.it il Consigliere comunale Gianluca Borrelli - e che meritano un approfondimento o quantomeno delle risposte. A me risulta che il Comune abbia concesso gratis metà del centro storico all'associazione. Mi risulta anche che l'associazione abbia chiesto, alle attività commerciali che hanno partecipato, una  quota di adesione per poter posizionare uno o più stand. Alcune attività commerciali permanenti, addirittura, sono state coperte nella loro attività. Sia chiaro: questa non vuol essere una polemica, ma una richiesta di trasparenza e di informazione.

Le richieste

Mi domando allora: il Comune quindi ha dato l'autorizzazione anche per coprire alcune attività commerciali, che, tra l'altro pagano regolarmente l'occupazione di suolo pubblico? Ed ancora, perchè dare in concessione gratuitamente il suolo pubblico di metà centro storico ad un'associazione, che poi chiede contributi ad alcuni commercianti, limitando l'azione di altri che lì ci commerciano e pagano le tasse tutto l'anno?

La pulizia straordinaria

Mi domando poi perchè il Comune debba pagare la pulizia straordinaria fatta per togliere, o tentare di togliere, le macchie di olio in vari punti della pavimentazione. Eppure non è stato certo il Comune, a fine manifestazione, a lasciare la piazza ed alcune strade ingrassate. Di solito se un privato fa un intervento poter fare un normale allaccio del gas, ad esempio, è lo stesso Comune che chiede al privato di pagare una fidejussione che copra eventuali spese per rimettere dopo tutto a posto. In questo caso, come mai non è stata richiesta la fidejussione? In conclusione, dovremo quindi tenerci il centro storico ingrassato?”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Sanità, addio codice rosso nei Pronto Soccorso. Dal 2020 i numeri sostituiranno i colori

  • Alatri, Francesco Scarsella accusato di omicidio stradale sconterà la pena ai domiciliari

  • Intasca 10 mila euro che doveva versare al cliente, avvocato condannato

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento