Ceccano, dall’allarmismo sul Coronavirus al pressing sul Commissario Prefettizio

Dalle voci infondate su un presunto caso sospetto fino alle richieste “politiche” di sanificazione dell'area urbana e di attivazione del Centro Operativo Comunale nella cittadina ciociara

Palazzo Antonelli, sede del Comune di Ceccano

Dalla sospensione della campagna elettorale in quel di Ceccanoannunciata lo scorso 11 marzo dal candidato sindaco Marco Corsi e retroattivamente proclamata anche dagli altri due aspiranti Primi Cittadini Roberto Caligiore ed Emanuela Piroli in tempi di Coronavirus – si è passati alle pressioni nei confronti del Dott. Giuseppe Ranieri, Commissario Straordinario del Comune ciociaro in cui le Elezioni Amministrative 2020, al pari del già rinviato Referendum Costituzionale, si terranno probabilmente tra i prossimi 15 ottobre e 15 dicembre.  

Allo stesso Ranieri, infatti, la Piroli ha richiesto formalmente da mercoledì scorso una sanificazione dell’area urbana, mentre l’ex Sindaco Caligiore ha offerto il suo “consiglio di supporto” volto all’attivazione del Centro Operativo Comunale (COC). Il Commissario Prefettizio, però, non le ritiene per ora misure urgenti in materia di contenimento del contagio da Covid-19, visto che a Ceccano, tra l’altro, non si sono registrati ancora e per fortuna casi positivi.

A tal proposito, nella giornata di ieri hanno generato panico in città alcuni messaggi vocali condivisi su Whatsapp, tra cui quello di un noto ex amministratore comunale, in merito a un test di controllo richiesto da una cittadina. A seguito di accertamenti, si è poi scoperto che si trattava di una “semplice” bronchite. “Messaggi vocali - ha commentato Emanuela Piroli - con tanto di foto allegata, allarmisti e irrispettosi della dignità della persona. Un ‘presunto’ caso sospetto a Ceccano, sbandierato ai quattro venti. Mancavano solo il nome e il cognome dell’interessata. Fortunatamente non contagiata da Covid-19, la persona in questione è stata, però, la prima vittima a Ceccano di una ossessiva ‘smania di protagonismo’, altamente dannosa”.

La richiesta di sanificazione dell’area urbana

“Ci sorprende che l’ente, rappresentato ad oggi dal Commissario Straordinario - aveva già lamentato mercoledì scorso la proponente Piroli per conto della sua coalizione - non abbia avviato delle procedure straordinarie di tutela della cittadinanza, iniziative semplici e necessarie. Ancora una volta siamo costretti a segnalare un dialogo lacunoso con l’ente comunale, che non ci sembra tempestivo nelle decisioni in merito alla prevenzione della diffusione del Covid-19”.

Nella giornata di oggi, lunedì 16 marzo, la ventura candidata sindaca ha fatto presente che “da uno studio recente, uno studio vero, il Covid-19 resisterebbe sulle superfici esterne e nell’aria per alcune ore, tanto che il Dott. Walter Ricciardi, consulente dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità, ndr), ha confermato l’importanza della disinfezione di strade e superfici. Auspicando che si aggiunga questa pratica ai ‘protocolli’, spero altresì che a Ceccano si attui in fretta e nei modi giusti”.

Il tutto non prima di una premessa: “Utilizzo il mio profilo privato per evitare gli attacchi di qualche irresponsabile - ha postato sul più noto Social Network - che potrebbero distogliere dall’importanza del messaggio. Premetto che non me ne frega niente della campagna elettorale, ormai archiviata, ma avendo preso un impegno politico e civico con la mia comunità non posso e non voglio astenermi dall’agire e dal parlare, per il bene di tutti. In un momento tanto difficile, sarebbe da vigliacchi e da menefreghisti. I cittadini hanno bisogno di vicinanza, di rassicurazioni, di instaurare un rapporto di fiducia con chi amministra la città e non di burocrati chiusi nelle proprie stanze”.   

La richiesta di attivazione del COC

“In un momento così delicato - così, nei giorni scorsi, l’ex Sindaco Roberto Caligiore - dobbiamo fare tutti un passo indietro e fidarci di chi ‘oggi’ ricopre ruoli ‘decisionali’. Purtroppo spesso ci si trova a dispensare consigli senza conoscere i risvolti, positivi o negativi anche per la comunità stessa, di una decisione rispetto a un’altra”.

“Ecco perché - ha spiegato poi - il mio vuol essere semplicemente un consiglio di supporto al Commissario Prefettizio – il quale ha ereditato una struttura (Protezione civile, Polizia municipale e vari uffici comunali) rodata e pronta alle emergenze, come quelle affrontate egregiamente in questi anni - ossia di attivare il COC (Centro Operativo Comunale), con l’obiettivo di monitorare la situazione sanitaria sul territorio del Comune di Ceccano”.

“È importante precisare - ha concluso - che si tratterebbe di una misura precauzionale volta a tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini, magari fornendo anche il servizio di consegna dei medicinali e dei generi di prima necessità a chi non può dotarsene; inoltre, aiuterebbe a garantire, nel modo migliore possibile, il rispetto dei protocolli governativi per il contrasto e la prevenzione dal contagio del nuovo coronavirus Covid-19”.

A proposito della “spesa a domicilio”

Dalla mattinata di martedì 10 marzo, infine, sono state protocollate le missive distintamente inviate al Commissario Patrizi da Marco Corsi e da “Cives Ceccano”, lista civica di Emanuela Piroli, in funzione della predisposizione del servizio di consegna di beni di prima necessità e medicinali a favore di anziani soli, malati cronici e persone immunodepresse.

“Cives”, unitamente all’associazione “Città Futura”, ha proposto di creare una rete aperta “a tutte le associazioni - hanno fatto presente - che vogliano collaborare per offrire un servizio che sia il più largo possibile”. Da Corsi, invece, un’istanza tesa a fissare un incontro preliminare durante il quale poter discutere della “spesa a domicilio”, qualora non fosse stata già prevista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ex Presidente del Consiglio Corsi, additato dalla controparte come uno dei “colpevoli” del commissariamento conseguente al dimissionamento di Caligiore, ripone “massima fiducia nell'attuale autorità sanitaria locale, nominata dal Prefetto di Frosinone Ignazio Portelli -  ha scritto nelle scorse ore - Una figura che meriterebbe assoluto rispetto da parte di tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassinate, esplode una bomba da guerra in un campo dove bruciavano sterpaglie

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

  • Coronavirus, la storia di Pina, Vigile del Fuoco discontinuo che sta combattendo per la vita

  • Coronavirus, tre carabinieri positivi: uno ha febbre e tosse, due sono asintomatici

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento