Consiglio Lazio, minacce a giornalista e istituzioni di Ardea approvata la mozione. Si a legge contrasto Ludopatia

Nella seduta odierna Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato, all’unanimità, anche una mozione presentata dal vicepresidente Francesco Storace (La Destra) che impegna il presidente Zingaretti

Nella seduta odierna Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato, all’unanimità, anche una mozione presentata dal vicepresidente Francesco Storace (La Destra) che impegna il presidente Zingaretti “a convocare un tavolo con la partecipazione della Direzione investigativa antimafia e i corpi di Vigili Urbani, Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza per debellare la criminalità che si annida nel comune di Ardea, consegnando alla giustizia i responsabili di atti intimidatori contro le istituzioni e i giornalisti che hanno avuto il coraggio di denunciare lo stato illegale nel quale versa la zona ‘Le Salzare’”.

L’atto di indirizzo impegna inoltre Zingaretti “a presentare un esposto dettagliato alla Procura della Repubblica di Velletri in riferimento ai fatti elencati” e “a completare la demolizione, avviata nel marzo 2012 dalla precedente amministrazione comunale con il sostegno economico della Regione Lazio, del complesso edilizio in via delle Salzare sorto sopra un sito archeologico, ad oggi occupato da centinaia di persone senza fissa dimora, dove si concentrano attività illegali legate ad episodi di violenza ed allo spaccio di sostanze stupefacenti”.

Si chiede, infine, di “sollecitare l’Agenzia del Demanio a destinare, senza riserve, l’area in oggetto a patrimonio esclusivo dello Stato con l’obiettivo di consentire l’alienazione dei terreni ad uso civico agli originari assegnatari e loro dante causa” e di “intervenire sul comune di Ardea per ribadire la non condonabilità di manufatti abusivi realizzati in aree gravate da diritti di uso civico demaniale, in armonia con il parere formulato dai funzionari comunali il 31 luglio 2006”.

CONSIGLIO LAZIO, APPROVA LEGGE SU CONTRASTO LUDOPATIA

Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Francesco Storace (La Destra), ha approvato all’unanimità la legge “Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d’azzardo patologico”, licenziata venerdì scorso dalla commissione Politiche sociali e Salute e finanziata con 150mila euro per il triennio 2013-2015 dalla commissione Bilancio.

Destinatari degli interventi saranno le persone giudicate - da specialisti di servizi pubblici e privati accreditati - “incapaci di resistere all’impulso di giocare, il cui comportamento compromette le relazioni personali, familiari e lavorative”.

La legge disciplina la collocazione delle sale da gioco, preservando le cosiddette “aree sensibili” (scuole, ospedali, luoghi di culto, centri sociali e anziani) e prevedendo delle premialità per gli esercizi che rimuovano o non istallino slot machine o videolottery. In questa ottica, sarà istituito il marchio regionale “Slot free-RL”, rilasciato dalla Regione agli esercenti, ai gestori dei circoli privati e di altri luoghi deputati all’intrattenimento, che non abbiano nel proprio esercizio apparecchiature per il gioco d’azzardo.

La legge sancisce il divieto di pubblicizzare l’apertura o l’esercizio di sale da gioco sul territorio regionale che prevedano vincite in denaro. Inoltre, i gestori di sale bingo, ricevitorie, agenzie ippiche dovranno esporre all’ingresso dei locali e sui relativi apparecchi materiale informativo sui rischi correlati e sui servizi di assistenza presenti sul territorio.

Presso l’assessorato competente in materia di Politiche sociali sarà insediato un Osservatorio regionale sul fenomeno del gioco d’azzardo, che - tra l’altro - verificherà l’impatto delle politiche di contrasto e redigerà un rapporto annuale.

Gli emendamenti approvati in Aula e proposti dai consiglieri Marta Bonafoni (Per il Lazio), Simone Lupi (Pd) , Giancarlo Righini (Fratelli d’Italia), Fabrizio Santori (La Destra) hanno allargato il raggio d’azione del monitoraggio anche al web e hanno arricchito gli articoli riguardanti la definizione della patologia, i compiti dell’Osservatorio, gli obblighi informativi a carico dei gestori delle sale.

Il Consiglio regionale sarà infine chiamato dalla nuova legge ad approvare un piano integrato triennale socio-sanitario per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico.

La relatrice e prima firmataria, Olimpia Tarzia (Lista Storace), nel presentare il provvedimento all’Aula, ha sottolineato i dati preoccupanti sul fenomeno, oramai considerato una vera e propria forma di “dipendenza senza droga”, con tanto di episodi di assuefazione, depressione e crisi di astinenza. “L’Italia - ha dichiarato Tarzia - è il più grande mercato in Europa: le cifre diffuse dal Dipartimento Politiche Antidroga indicano che il settore ha registrato in 7 anni un aumento del 450% del giro d’affari, passando da 22 miliardi di euro nel 2004 a circa 80 miliardi nel 2011. Più di un milione di studenti, inoltre, ha giocato almeno una volta e nel 35% dei casi chi è affetto da ludopatia dichiara di consumare abitualmente stupefacenti”. Tarzia ha inoltre ha evidenziato la carenza di una legge statale di sistema sulla regolamentazione del gioco d’azzardo, nonostante le raccomandazioni della Comunità europea a riguardo. A tal proposito, è stato approvato anche un ordine del giorno collegato alla proposta di legge, che “impegna il presidente della Giunta a sollecitare il governo affinché assuma con urgenza le decisioni riferite alla legge n.189/2012 (che ha convertito il decreto legge n.158/2012) circa la ricollocazione delle sale da gioco al di fuori delle aree cosiddette sensibili”, stabilendo inoltre una distanza minima “di almeno 300 metri”. Un ulteriore ordine del giorno, presentato da Santori, è stato votato a fine seduta per impegnare il presidente della Giunta, tra l’altro, “a sollecitare presso l’Esecutivo e il Parlamento un’azione normativa unitaria che, sulla scorta della frammentaria legislazione attualmente vigente, possa dirimere il dilagare del fenomeno del gioco patologico, avviando un’operazione di maggior trasparenza nelle procedure di autorizzazione, di limitazione dei giochi, e di sistematizzare la cura della patologia del gioco d’azzardo”.

Il presidente della commissione Politiche sociali e Salute, Rodolfo Lena (Pd) ha commentato così i lavori dell’Aula: “Il voto all’unanimità dimostra che quando si pone al centro del dibattito politico il bene collettivo e la salute pubblica non ci sono schieramenti né interessi di parte che tengano. La ludopatia è un male dei nostri tempi e come tale va trattata, senza calcoli di opportunismo né leggerezza nel porre delle limitazioni a tutela della fasce più deboli della popolazione. La crisi economica degli ultimi anni ha paradossalmente fatto aumentare il grado di esposizione delle famiglie laziali ed italiane all’azzardo, probabilmente nella speranza di poter riscattare con una semplice giocata drammi gravi come la perdita di lavoro, casa e affetti. Ciò che manca è la corretta informazione su rischi del gioco e sulle effettive probabilità di vincita: per questo ci siamo concentrati molto anche sulla disciplina della pubblicità e della comunicazione in generale legata ad attività potenzialmente ludopatiche”.

Per la Giunta, ha preso parte alla discussione e all’esame del provvedimento l’assessore alle Politiche sociali, Rita Visini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

  • Alatri, Francesco Scarsella accusato di omicidio stradale sconterà la pena ai domiciliari

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento