Consiglio Regionale, comitato consumatori rinviato il parere sulle nomine

Sospeso e rinviato il parere della commissione Affari Comunitari e tutela dei consumatori sul decreto del Presente della Regione riguardante la nomina dei cinque membri esperti nel Comitato Regionale degli utenti e dei consumatori

Sospeso e rinviato il parere della commissione Affari Comunitari e tutela dei consumatori sul decreto del Presente della Regione riguardante la nomina dei cinque membri esperti nel Comitato Regionale degli utenti e dei consumatori (C.R.U.C). I membri del Cruc – si legge nel decreto – non percepiranno alcuna indennità e/o trattamento economico di missione.

“Come si è arrivati alla selezione delle 5 persone?” ha chiesto il consigliere Daniele Sabatini (Pdl), secondo il quale si tratta di un decreto carente sia nella parte delle premesse che dei contenuti.

“ Credo si possa tranquillamente procedere ad esprimere il parere e nel contempo chiedere alla Giunta un maggior coinvolgimento della commissione nella fase istruttoria dell’atto”. Così ha risposto per la maggioranza, il consigliere Mauro Buschini (Pd) sulla legittimità del decreto.

Secondo Mario Abbruzzese (Pdl), invece, “è necessario ristabilire gli equilibri e il rispetto dei ruoli tra chi governa e il Consiglio. Le nomine – ha proseguito Abbruzzese - devono arrivare con una relazione allegata. Le modalità con cui è arrivata questa relazione denota invece un atteggiamento di disprezzo nei confronti della commissione”.

Secondo Silvana Denicolò (M5S), trattandosi di un comitato di utenti e consumatori, la procedura avrebbe richiesto una maggiore trasparenza.

Così Pietro Petrassi (CD) presidente della commissione, a conclusione dei lavori:“ seppur corretto in termini di legge, posso accogliere la richiesta di sospensione per alcune carenze nella forma con cui lo schema di decreto è stato inoltrato alla commissione e chiedere alla Giunta una relazione che illustri una fase istruttoria” .

Nella stessa seduta è stato espresso parere favorevole con osservazioni alla legge sulle “Misure di sostegno e la valorizzazione dei comuni del Lazio con popolazioni inferiori a 5000 abitanti”, prima firmataria Cristiana Avenali . Le osservazioni riguardano principalmente l’inserimento di articoli che prevedano gli uffici per l’Europa, anche nelle unione dei Comuni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Erano presenti: Riccardo Valentini (Per il Lazio), Gian Paolo Manzella, Cristiana Avenali (Per il Lazio), Gaia Pernarella (M5S).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

  • La Dea bendata bacia di nuovo la Ciociaria. Vinti 200 mila euro con un gratta e vinci

  • Violenta carambola tra quattro auto su via Casilina. Due persone ricoverate in codice rosso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento