Traffico illecito di rifiuti, interrogati i gestori della cava. Fontana (M5S): “Anche la Provincia faccia il suo”

Mentre gli inquirenti ricercano ulteriori elementi probatori nel quadro dell’Operazione “Cavum”, la deputata pentastellata ciociara risollecita il Presidente Antonio Pompeo a intensificare i controlli ambientali sul territorio provinciale di Frosinone

La Deputata ciociara del Movimento 5 Stelle Ilaria Fontana

Nella mattinata di oggi, venerdì 31 gennaio, sono partiti gli interrogatori di garanzia dei fratelli ferentinati C.L. e C.N., sottoposti da martedì scorso a custodia cautelare in carcere per l’ipotesi di reato, continuato e in concorso, di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti verso la cava gestita a Ferentino.

Arrestati, indagati e sequestri

In arrivo nuovi sviluppi, pertanto, rispetto all’Operazione “Cavum”. Operazione che è stata condotta da Nipaaf di Roma e Carabinieri Forestali di Anagni e Frosinone e che, oltre a indagare 22 ditte edili e sequestrare 29 automezzi, ha portato anche agli arresti domiciliari di tre persone: da un lato, i coniugi C.I. e R.A., l’una familiare dei due gestori della cava, l’altro originario di Supino ed entrambi legati a una società di Morolo; dall’altro lato, il consulente tecnico R.D., di Castrocielo.  

Dalla Deputata Fontana (M5S)

A intervenire sulla vicenda, nel frattempo, è la Portavoce M5S alla Camera Ilaria Fontana, membro della Commissione Permanente “Ambiente”: “A seguito dei provvedimenti presi dalle forze dell'ordine - premette la parlamentare pentastellata di Frosinone - nei confronti di alcuni imprenditori e professionisti nel settore dei rifiuti in attività tra Ferentino e Morolo, sotto il coordinamento dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, risulta sempre più evidente la necessità di attivare monitoraggi e vigilanza su tali attività di gestione dei rifiuti”.

La nuova bussata alla Provincia

Tali compiti sono ben definiti dal Testo Unico Ambientale - continua la Deputata - e ricadono tra le competenze in capo alla Provincia: come già fatto la scorsa estate a seguito dell'incendio alla Mecoris (e poi in merito a un altro capannone industriale andato a fuoco, ndr), ho provveduto a sollecitare nuovamente il Presidente Pompeo a fare tutto ciò che è nei propri poteri per intervenire prima che si renda necessario l'intervento delle forze dell'ordine”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il suggerimento… a 5 Stelle

“Per adempiere alle competenze attribuite dalla legge - suggerisce, poi, Ilaria Fontana - è possibile anche sottoscrivere specifici accordi con ARPA Lazio tesi ad intensificare i controlli su autorizzazioni semplificate alla gestione dei rifiuti e, a maggior ragione, anche sul traffico di rifiuti pericolosi. Auspico - conclude - che le istituzioni possano svolgere in tal modo un ruolo attivo nella prevenzione degli illeciti ambientali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus, chiusa un’azienda che lavora il ferro a Morolo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento