Fiuggi, sul Palacongressi scontro al vetriolo tra comune e Regione

Per l’ente guidato da Zingaretti i patti sono stati rispettati e sono stati pagati l'80% dei lavori effettuati

Tra Comune di Fiuggi e Regione è “guerra” aperta sul Palacongressi. Dopo il duro manifesto della maggioranza Baccarini di qualche giorno fa in cui si parlava delle lungaggini dei lavori all’importante struttura che dovrebbe rilanciare il turismo fiuggino e quindi l’economia delle città termale è arrivata le replica della Regione che parla di patti rispettati. “La Regione Lazio – si legge in una nota stampa - in merito al Palacongressi di Fiuggi, ha rispettato i patti presi con la comunità locale; il manifesto di attacco alla Giunta pubblicato dall’amministrazione Baccarini, in cui si accusano “Zingaretti e il PD” di “essere dei fantasmi”, è un manifesto profondamente offensivo, oltre che completamente falso e finalizzato al mero propagandismo. Si intende immediatamente chiarire che la Regione Lazio è un’Istituzione: il Presidente Nicola Zingaretti nell’adempimento delle proprie funzioni non rappresenta il Partito Democratico, ma la Regione Lazio e gli indirizzi della Giunta che egli presiede.

Saldati l’80% dei lavori, il resto alla rendicontazione

Sono già stati saldati al Comune di Fiuggi ben 3.700.000 euro, pari all’80% del finanziamento complessivo: un investimento molto importante che sottolinea l’impegno verso Fiuggi e la chiara volontà di terminare un’opera ritenuta di fondamentale rilevanza strategica per tutto il comprensorio in termini non solo congressuali, ma anche turistici, logistici e occupazionali. Già nel corso dell’audizione tenutasi lo scorso 8 novembre, su richiesta del Consigliere Sara Battisti, l’Assessore al Bilancio, Lorenza Sartore, ha chiarito al Sindaco di Fiuggi che la Regione Lazio salderà i restanti 800mila euro a rendicontazione dei lavori.

I debiti verso Lazio Ambiente

Inoltre, in merito alla seconda parte del manifesto, dove si accusa la Regione di aver dirottato il finanziamento per tenere in vita Lazio Ambiente, riservandosi di adire le opportune vie legali, occorre chiarire che tale importo è stato utilizzato per compensare i debiti del Comune di Fiuggi verso un fornitore di quest’ultimo, debiti che avrebbero impedito di erogare un servizio di fondamentale importanza per tutta la comunità, quale è quello della raccolta dei rifiuti. Come risulta evidente anche dalla determina R.G. 873/2018 dello stesso Comune, infatti, tale compensazione non è stata proposta dalla Regione per salvare Lazio Ambiente – affermazione estremamente grave – ma è stata proposta dall’amministrazione comunale. L’accoglimento della richiesta di compensare parte della somma dovuta per il finanziamento del Palacongressi con i debiti verso Lazio Ambiente, è stato fatto, pertanto, nell’esclusivo interesse dei cittadini fiuggini.

Perché è tutto fermo? 

La Regione è in attesa di conoscere gli sviluppi in merito ai lavori del Palacongressi, che nella missiva Prot. 15039/2018 da parte del Sindaco, si prospettavano in conclusione già per i primi mesi del 2019 ma che, all’attuale stato dell’arte, risultano ben lungi dall’essere completati nonostante il finanziamento ingente già erogato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Scontro frontale tra due auto lungo la Cassino-Formia: muore l'89enne Silvana Pellecchia

  • Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

  • Cassino, si barrica in un bar e ferisce al volto un carabiniere

  • Muore a 58 anni il carabiniere Vito Antonio De Vita. Lunedì i funerali

  • Supera l'auto della Polizia Provinciale, ma la multa per eccesso di velocità viene annullata perché illegittima

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento